domenica 3 giugno 2012

Considerazioni domenicali

- Quando la prima cosa che fai al mattino è spararti con un unico sorso d'acqua la pillola contro l'allergia e quella per il mal di testa, c'è qualche problema.

- Quasi come quando capita che ti svegli e scopri di avere un occhio come se qualcuno ti avesse dato un pugno - ovvero una palpebra gonfia. Un nuovo effetto collaterale dell'allergia? Nel giro di qualche ora il "fenomeno" è rientrato. Scopriremo nei prossimi giorni se si reitererà.

- Bello poi svegliarti alle aggraziate voci della donna delle pulizie che parla con marito-aiutante (?) e altri condomini (?), immagino dal cortile ai balconi limitrofi, visto il volume tenuto (non ho verificato o avrei potuto tirar loro una scarpa). Quando amo le persone che sbraitano così tanto da penetrare il mio coma domenicale. Quanto amo quando lo fanno per condurre discorsi filosofici sulla potenza di una lavastoviglie o lavatrice o cosa cazzo era (ho rimosso). Praticamente come svegliarsi con un televisore sintonizzato su Mondialcasa attaccato all'orecchio. Evviva.

- Salutiamo tutti l'amato ragnone domestico che ci ha lasciati, vittima dell'insana furia vendicatrice di mia madre. La lascio sola per casa una volta e... la tragedia si consuma. Era scomparso lasciandoci nell'angoscia, è tornato per qualche giorno, e poi... ahimè! Vero è che il ragno si era fatto audace e aveva iniziato a sconfinare dal territorio di sua competenza, comparendo sulla porta o nella vasca da bagno anziché limitarsi a occupare le pareti oltre i due metri di altezza e il soffitto. Ed è nella vasca che il fato lo ha punito per la sua hybris... RIP ç___ç

- Peraltro, è un periodo in cui insetti & aracnidi mi perseguitano. Faccio appena in tempo a scoprire che un mio personaggio ha una vaaaga fobia per le sunnominate creature, che compaiono ovunque. In casa, ovviamente, ma anche nelle vignette, nei film, nei discorsi, nelle foto, nelle copertine dei libri. Argh.

- Siccome sono vagamente sovraeccitata da un gigacaffè - evviva le tazze alte, dove puoi scaricare una moka da quattro e farci colazione, praticamente un caffè-caffè-caffè-caffelatte. Ma non temete, vi terrò aggiornati su eventuali crisi di tachicardia, infarti, nervosismo con furia omicida, svenimenti, convulsioni - ora musica tosta.
E buona domenica a tutti.


L'immagine viene da qui.

7 commenti:

  1. Mi unisco al coro di condoglianze per il povero ragno.
    Anche a me pochi giorni fa mi si inizia a gonfiare l'occhio sinistro....era un MEGA brufolo sulla guancia o.o

    Comunque, un saluto e un po' d'empatia per l'allergia e il mal di testa, che mi attanagliano da quando vivo u.u''

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stuuupida allergia! =___= Vabbe'. Con una pastiglia al giorno riesco a tenerla sotto controllo per fortuna. E anche il mal di testa raramente raggiunge livelli di guardia, anche se è una seccatura ricorrente (ma meno di un tempo, per fortuna).

      Elimina
  2. Allergica anche tu?
    Io mi sento come se mi avessero scartavetrato il naso. Smettaranno mai di spollinare queste piante maledette?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima dell'Apocalisse sì, probabilmente.
      Io in genere ho fastidio al mattino appena sveglia (perché prendo la pastiglia solo al mattino anziché mattino e sera come dovrei, ma almeno così faccio durare la scatola di più). Per fortuna l'allergia che ho adesso è meno forte di quella di qualche anno fa. Da piccola era un dramma.

      Elimina
    2. Sì, anch'io sto relativamente meglio da qualche anno.
      Da piccola l'allergia mi aveva addirittura resa asmatica.
      Gli antistaminici, dopo averli retti bene per anni, ora mi danno una sonnolenza letale... ho fatto certe dormite imbarazzanti all'uni... quelli nuovi li sopporto un po' meglio, ma hanno anche meno effetto. Uff!

      Elimina
  3. Non soffro di allergia, ma posso immaginare quanto sia stressante!
    Mi dispiace per il ragno, io sono la paladina della casa, di solito li libero tutti prima che arrivi il piede di mio padre...purtroppo una volta non sono riuscita :(((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, povero lui! Attendiamo di scoprire chi prenderò il suo posto...

      Elimina