martedì 19 giugno 2012

Running up that hill - Kate Bush & Within Temptation

Siamo nel 2003 quando i Within Temptation, dopo ben tre anni, propongono finalmente qualcosa agli avidi fan: Running up that hill, un singolo che sazierà in parte gli appetiti prima del successivo full-lenght The Silent Force. La canzone però è una cover, per la precisione di Kate Bush. Ecco il video dell'originale (sooo Eighty style):


Ecco invece il video dei Within Temptation, di tutt'altro stile:


Pareri? per quanto mi riguarda, questa volta non ho dubbi: voto per gli olandesini Within Temptation senza se e senza ma, e non solo per il video (un po' ingenuo qua e là, forse, ma nient'affatto male), naturalmente, ma anche per la rielaborazione (un po' di chitarre invece delle papponate artificiose Anni Ottanta - con tutto il rispetto per i fan della Bush), nonché per l'interpretazione. Di Kate Bush conosco poco, ma in questo caso preferisco senza alcun dubbio la voce, lo stile e le variazioni di Sharon Den Adel, che trovo più coinvolgente e vivace.
E voi cosa ne pensate?

P.S. Della stessa canzone esiste anche una cover dei Placebo (potete vedere il video qui). Questa versione non mi convince molto, devo dire, ma presenta un terzo modo ancora differente di presentare lo stesso brano, quindi ve la segnalo.

7 commenti:

  1. Preferisco anch'io la versione dei WT :D Anche se Sharon non mi piace molto qui. La preferisco ultimamente, negli ultimi due album.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'ultimo album (per il quale molti hanno storto il naso, ma io lo trovo ottimo) piace moltissimo anche a me. In questa canzone però fa un buon lavoro, a mio parere, è molto particolare.

      Elimina
    2. Per l'ultimo è il loro migliore *_* Woooah Sinéad!
      E anche nel penultimo ci sono delle belle canzoni, e vocalmente è forse il più vario. In quelli precedenti, Sharon era un po' monotona e forzata, almeno secondo me.

      Elimina
    3. Diciamo che l'ultimo ha anche il merito di staccarsi un po' rispetto allo stile di Silent Force, consolidato in Heart of everything. Invece che ripetere sempre la stessa solfa hanno variato.

      Elimina
  2. Decisamente quella dei WT, anche se mi permetto di rilanciare: di quella dei Placebo cosa ne pensi?
    Più dark, meno potente, ma dannatamente inquietante, a mio parere.
    Beh, fammi sapere! :D

    RispondiElimina
  3. Ok, non avevo notato la fine del post... me distratto, sorry! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No problem ^_^ Non mi ha convinto molto neanche quella dei Placebo, in realtà...

      Elimina