mercoledì 12 settembre 2012

Anger management

 
 

Ecco. La sensazione è questa, al momento.
Siete avvisati.

Perché? Bah. Vediamo...
Perché ce l'ho con l'idiozia tronfia di certe principesse sul pisello (o forse meglio dire sul coglione), che nemmeno si rendono conto delle figure patetiche che fanno. Perché non sopporto più i bimbiminkia che conosco (e intendo quelli thirtysomthing). Perché la gente vomita parole con leggerezza e poi pretende che tu non soffra quando ti colpisce con una tranvata verbale dritta in faccia - ma non è capace di sopportare neanche una battuta, perché la gente che dice le cose più stronze e crudeli agli altri è anche quella oh, così sensibile! Perché ci sono quelli che si riempiono la bocca di dichiarazioni che cambiano appena cambia il vento.
E perché non so essere distaccata, calma e razionale come vorrei, e la mia stupida testa continua a piroettare intorno alle ansie e alle paure. Perché quando arriva il buio mi trasformo in una bambina spaventata. Perché quando sono spontanea regolarmente poi mi sento ridicola, invadente, sciocca. Perché mi sembra sempre di gridare nel deserto. Perché non riesco a rassicurare me stessa. Perché ci sono tante persone speciali che ho la fortuna di conoscere e a cui voglio bene, ma mi sento sempre quella "non abbastanza per".
E poi ce l'ho con gli sforzi che sembrano inutili. Con il tempo che scorre troppo veloce e mai abbastanza veloce, sì, entrambe le cose. Con la mia incapacità di conoscere il futuro. Col bisogno che ho di dare, nonostante tutto. Con la sensazione di awkwardness che mi accompagna sempre. Con la goffaggine che mi perseguita. Con il fatto di non riuscire mai a trovare le parole giuste, quando devo dire qualcosa a qualcuno cui tengo. Scrivere è un'altra cosa, ma parlare... no way.
E ce l'ho con i brutti ricordi che non se ne vanno.
Con le cose che ti spezzano. Sadder and wiser (cit.)
Con le ferite che la gente nemmeno si rende conto d'infliggerti.
Con le seghe mentali - le infinite seghe mentali - e il sentirmi così stupida anche solo a scrivere queste righe.
E anche con quella zoccola dell'ispirazione che preferisce arrivare quando non posso scrivere, pure, e mi solletica, mi stuzzica, invece poi al momento buono è sfuggente ed elusiva.

Ma ve l'ho detto, è sera mentre scrivo, anche se il post apparirà on line di mattina, e col buio escono fuori mostri molto più spaventosi dei ragni, dei fantasmi domestici e delle creature che vivono sotto il letto. Tranquilli: domani sarà un altro giorno, quando leggerete starò già bene. O comunque meglio.


Le immagini del fumetto di Loki vengono da Tumblr, tutti i credits all'autore.

6 commenti:

  1. Abbraccio cara. Menerei a sangue chi ti fa stare male. <3

    RispondiElimina
  2. A sadder and a wiser woman?
    Hai illuminato la mia (tarda) mattinata :)

    RispondiElimina
  3. Perché quando sono spontanea regolarmente poi mi sento ridicola, invadente, sciocca.
    Perché ci sono tante persone speciali che ho la fortuna di conoscere e a cui voglio bene, ma mi sento sempre quella "non abbastanza per"

    Capisco perfettamente... in questo periodo mi ci ritrovo spesso anch'io intrappolata nel loop di ansia e seghe mentali.
    Io però faccio tutto da sola x') quindi ho le mani libere, posso unirmi a Vale e menare i tuoi bimbiminkia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con quello, una parte delle para è risolta^^ Solo una parte, però...

      Elimina