sabato 15 settembre 2012

Quella casa nel bosco - The cabin in the woods

Il solito gruppo di ragazzotti imbecilli & insopportabili - la bionda zoccola, la protagonista verginella,  l'eroe di cui la suddetta verginella è innamorata, il figone sportivo pieno di sé, il cretino - va nella solita casa isolata per essere massacrato dal solito serial killer/mostro/demone/pazzo...
Alt.
Non è proprio così.


Sarà che c'è dietro Joss Whedon (co-autore della storia insieme al regista Drew Goddard e produttore); e Joss è l'unico che è riuscito a tirar fuori l'unico film di supereroi capace di lasciarmi così *___* a fangirleggiare. Sarà che, quando l'ho visto, non sapevo nulla del film, non mi ero neanche premurata di vedere il trailer, e nemmeno sapevo che nel cast comparisse Chris Hemsworth pre-Thor (e con i capelli corti, tsé). Fatto sta che dopo i primi minuti da "uhm vabbe'", Quella casa nel bosco mi ha fatto progressivamente rizzare le antenne.
Perché sì, "tu credi di conoscere la storia", come recita il trailer (l'ho guardato, dopo). E invece no. E invece dietro a tutto quello che di "solito" riconosciamo, c'è qualcosa di diverso. Qualcosa di più. Il cretino non è così cretino in effetti. L'atleta non è l'imbecille testosteronico che disprezza i secchioni - in teoria sarebbe un secchione pure lui. E così via... E allora perché i ragazzi non sembrano più loro? E che diavolo c'entrano gli "impiegati" che vediamo nel prologo, che osservano i ragazzi attraverso telecamere nascoste, che...
Alt. Non vi dirò di più. Niente spoilers, assolutamente: non vi ho svelato più di quello che si vede nella prima mezz'ora.
Posso però garantirvi che rimarrete sorpresi. E che non solo il film si rivela dannatamente intelligente, un "punto zero" dell'horror, un meccanismo davvero interessante per svelare i cliché di tanti film che hanno banalizzato il genere, annoiato il pubblico, annacquato il sano terrore che dovrebbe venire da un film dell'orrore; Quella casa nel bosco è anche - evviva evviva! - una festa di sangue, un luna park dove tutti gli amanti dell'horror girovagheranno con gli occhioni spalancati e un sorriso infantile sulla faccia, riconoscendo, diciamo così, molte "facce amiche". I dieci minuti finali, dove... quando... accidenti, non posso dirvi che succede: ma in quei dieci minuti verrete travolti da una valanga di puro orrore e sanguinosi sbudellamenti. Mai però fastidiosi come nei torture movies recenti alla Saw. Non si tratta di autocompiacimento nel mostrare i personaggi fatti a pezzi; si tratta di riscoprire il lato più oscuro degli incubi, quello che è alla base di tutti i racconti di paura - fiabe, romanzi, film (quello di cui Socia Vale parlava qui, ottimo post che vi consiglio). E direi che con questo possiamo anche passare sopra a qualche difettuccio qua e là.
Ultima nota: Sigourney Weaver, attrice che adoro, si sta specializzando in cameo illustri (cfr. Paul).

14 commenti:

  1. Me lo sto procurando! Voglio proprio vederlo! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo l'uscita del dvd *___* Sarebbe da vedere su un megaschermo, la parte finale ^^

      Elimina
    2. Ci medito su. Perché si sa che sono fifona...

      Elimina
    3. Il problema è che lo sai cosa succede quando mi spavento... Povero Santo Subito! XD

      Elimina
    4. Eh, vabbe', il titolo se lo deve guadagnare!

      Elimina
    5. L'ho visto, non fa mica paura! Comunque, Whedon è un genio. Punto! XD

      Elimina
    6. XDDD Sapevo che ti sarebbe piaciuto!
      Il prossimo passo per te è vedere "Il Cubo". Consigliato come questo!

      Elimina
  2. l'horror più geniale dai tempi di scream!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scream, che non mi era dispiaciuto, ma non mi aveva nemmeno colpito più di tanto... Questo è decisamente meglio, secondo me.

      Elimina
  3. A me attraeva parecchio, poiché l'avevano definito "a metà tra Scream e The Evil Dead". Ora, io stravedo per la trilogia di Raimi, però è andata a finire che me lo sono perso.
    Devo rimediare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi! Secondo me è meglio di entrambi, anche se magari offenderò qualcuno...

      Elimina
  4. Wow, non pensavo avrebbe avuto tanto successo. Forse essere abituata allo stile di Whedon un po' me l'ha rovinato. Ma mi è comunque piaciuto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero un po' diffidente, ma mi ha convinto ^^

      Elimina