giovedì 27 settembre 2012

Wait for it: How I met your mother & dintorni

Autunno. Cadono le foglie, ricominciano le serie televisive.
Parlo di quelle estere, americane in particolare. Ce ne sarebbero talmente tante, di interessanti, che potrei riempire tutte le serate di tutto l'anno solo per seguirle, ma preferisco scoprirne una per volta, in maratona, quando si tratta di telefilm già conclusi o comunque che non ho visto dall'inizio, e aggiornarmi man mano con le nuove puntate di quelle che già conosco.
Occhio: qua e là qualche spoiler.

Al momento sto guardando una dopo l'altra le nove stagioni di Scrubs (oh, JD! Oh, Cox! Oh, inserviente-qualunque-sia-il-tuo-nome! Assolutamente strepitosi), serie già chiusa, scoperta grazie a Socia Sam e Socia Ale. La sto guardando in italiano - il doppiaggio di questa non è affatto male, anzi: e dire che sono passati pochi anni soltanto, siamo già nel Duemila. Saranno gli esilaranti "viaggi mentali" del protagonista - così somiglianti, ehm *coff coff*, a quello che capita quotidianamente a me; sarà la splendida bromance e la sintonia di JD e Turk; sarà la misantropica follia di personaggi come l'inserviente e Cox - quest'ultimo di particolare carisma, uno dei miei personaggi preferiti; ma sono davvero entusiasta della scoperta. Consigliatissima.

In questo periodo, però, inizieranno anche le nuove stagioni delle serie attualmente in corso. La prima, tra quelle che seguo, è stata How I met your mother, ottavo anno, iniziata qualche giorno fa. Il primo episodio, visto giusto ieri sera con i sottotitoli, riprende il filo dello scioccante finale della primavera scorsa, ma non è stato particolarmente brillante - anzi, awesome; Ted è sempre il solito indeciso Ted, la comparsa Klaus sciorina qualche pappardella sull'"unico vero amore" dilungandosi un po' troppo; le parti migliori sono state quelle dedicate agli esausti Lily e Marshall, che quasi dormono in piedi a causa del bebè appena arrivato in famiglia, e il glorioso minuto (scarso) in cui Barney Stinson - la vera marcia in più della serie, lo straordinario Neil Patrick Harris, diventato anche meme (il tormentone True story è suo) - riassume le sette stagioni precedenti parlando rapidissimo. Non è un grande spoiler: Barney e Robin sono destinati a sposarsi, e lo si sa dalla stagione scorsa (per la cronaca: ne sono felice. Mi sono sempre piaciuti insieme). Come ci arriveranno è da vedere... ma mi auguro nella maniera leggendaria e memorabile che meritano: in questa prima puntata, i loro momenti finali di malinconia sono stati efficaci. E mi auguro che, quando finalmente si vedrà la futura "mamma", la moglie di Ted, ne valga la pena, dopo gli estenuanti tira e molla del protagonista; la fanciulla, col suo ombrello giallo, pare sempre più vicina...
Intendiamoci: non sono una detrattrice di Ted, personaggio che molti ormai trovano fieramente antipatico. Sì, sta diventando un po' snervante, ma l'alchimia con gli altri maschi del gruppo e i suoi momenti più teneri o impacciati mi piacciono. Vedremo... Si tratta di una serie cui tengo parecchio, non voglio delusioni per il finale!



Oggi ricomincia anche Big Bang Theory, altro mio cult personale, soprattutto per il disfunzionale Sheldon Cooper e per Leonard, anche lui capace di momenti teneri, un concentrato di turbe, non privo di difetti, ma che risulta alla fine il portatore del ruolo di "protagonista positivo" che dev'esserci sempre - con Sheldon come momento comico, che quindi può permettersi di essere dissacrante e cinico, e che ruba la scena a tutti. Nelle prossime settimane toccherà a Once upon a time (che mi rifiuto di vedere in italiano, massacrata com'è da un doppiaggio orripilante, e se non mi credete, be', quando scriverò un post sulla serie metteremo a confronto le scene recitate da Robert Carlyle - in piedi e inchino, per favore - e quelle rovinate dal doppiaggio). A ottobre riprenderà anche The Wa-ah-ah-ah-lking Dead, esempio sommo di occasione sprecata, che guarderò solo perché fa entrare nel perverso meccanismo del "vediamo quale cazzata s'inventano oggi gli sceneggiatori" - anche qui, ne parlerò meglio più avanti.
E poi? Poi, concluso il recupero di Scrubs, dovrò aggiornarmi su svariate serie che mi interessano ma che conosco solo per sentito dire o che ho visto a sprazzi (quindi niente spoiler, please). Doctor Who, Torchwood (Jack! Oh, Jack... *___*), Being human versione inglese, non americana (il primo episodio mi era piaciuto, ma sapendo già la brutta fine che fa il mio personaggio preferito... non ho ancora osato proseguire), Sherlock Holmes, American Horror Story, Community, Firefly... e sicuramente me ne sto scordando diverse.

Ma non è mania, né follia. Molti di questi telefilm rivelano una scrittura di alto livello, idee notevoli, capacità di giocare con i meccanismi narrativi non da poco - anzi, spesso superiori a quelle di molti blockbuster e anche di molti scrittori (ebbene sì). Non sempre la qualità si mantiene alta con il proseguire delle stagioni, non sempre gli episodi sono all'altezza delle aspettative, ma, in generale, c'è molto da imparare da quelle sceneggiature, oltre a poter godere di numerosi attori di ottimo livello. E, diciamolo, del puro e semplice piacere delle storie, moderni feuilleton a volte molto meno ingenui e "semplici" di quanto si potrebbe pensare.



La prima immagine viene da qui; la seconda da internet, ma non trovo più il sito originario! Se lo sapete, segnalatemelo in un commento, per favore.

8 commenti:

  1. American horror story puoi depennarla :( Dopo un buon inizio, finisce rotoloni e si conclude in modo vomitevole! Che delusione, porcaccia d'una miseria! Se ci penso, mi incavolo ancora adesso.
    Io mi butterò a pesce su DW e Firefly *O*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi avevano parlato bene della prima serie, infatti... Uhm. Non è comunque tra le mie priorità, al momento. Grazie dell'avviso!

      Elimina
  2. Concordo sul parere relativo a American Horror Story... l'ho abbandonata penso verso metà stagione.

    Firefly invece è stupendo, così come Sherlock!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me l'hanno detto! Un po' per volta recupererò tutto ^^

      Elimina
  3. game of Thrones, Sons of Anarchy, Buffy e poi Angel

    RispondiElimina
  4. Io ora finiti gli esami ho libero fino a dicembre...*O*
    Quelle che devo vedermi sono BRaking Bad e Firefly, più tutte le nuove stagioni di varie serie (Tra cui TBBT e HYMYM :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Breaking Bad me l'hanno già consigliata, me la devo ricordare ^^

      Elimina