domenica 28 ottobre 2012

Grigio domenicale (e un annuncio)

Il "grigio" in realtà si riferisce solo al tempo di questi giorni, in realtà. Al cielo scolorito e al sole che si nasconde, al sonno della terra, al silenzio che dovrebbe appartenere alla metà fredda e oscura dell'anno. Non si riferisce invece al mio umore, nel caso ve lo siate chiesti: al momento riesco perfino a dormire sonni tranquilli (ogni tanto; questo week end, per esempio, miracolosamente). La marmocchia dei vicini non ha nemmeno rotto troppo le palle, oggi (domenica scorsa strillava in cortile. Alle nove di mattina. Al prossimo che mi dice uh che belli i bambini gli pianto io uno strillo da soprano direttamente nelle orecchie.)
Comunque, mi concedo un minuscolo *self-five-so-io-perché*.
E torno a rimuginare su tante cose e incrociare le dita per tante altre.

Yes, this is one of my many "me"

Certo, ogni tanto vengo colta dai miei abituali, improvvisi raptus di misantropia e le mie consuete fantasie alla JD (di Scrubs), quelle inseguendo le quali vagolo "altrove" con lo sguardo perso, si colorano di tinte livide e virano verso l'omicidio di massa. Come quando una STRONZA di corsa è riuscita a urtarmi e praticamente calpestarmi mentre correva chissà dove, in uno spazio ristretto (per la serie: ma dove cazzo vuoi andare??? L'equivalente dei maschioni con cervello da orango che sprintano ai cento allora per dieci secondi tra un semaforo e l'altro del centro perché fare brumbrum dà loro un senso di potenza). Ora, io non mi sono incazzata, non ho insultato nessuno (anche perché con l'iPod nelle orecchie non posso controllare il volume di quello che dico - sì, anche questa è utilità sociale della musica in cuffia, aiutarmi a controllare la rabbia improvvisa). Ma nel vedere che la STRONZA di cui sopra, camminandomi addosso, era riuscita a mollare un tale pestone al mio anfibio da scollarmi la suola... be', ringraziate che non possiedo i poteri di alcuni miei personaggi o avrei provocato morteterroredevastazione.
Ci sono anche fantasie alla JD mooolto più divertenti, eh. Tipo quella sulle giacche di lamè dorato o rosso... Ma questa è un'altra storia, vero, Sam? ^___^

Per il resto, la pianto di coinvolgervi nei miei deliri - tranquilli, sono innocui: basta arretrare senza darmi le spalle - e vi offro due brevi segnalazioni. La prima riguarda il blog 221b, il cui autore, Francesco, è stato così gentile da dedicarmi un post, dopo aver letto il racconto brevissimo Il pupazzo di neve, che compare in 365 storie cattive e che anche voi potete leggere a questo link. Grazie ancora a Francesco per il suo parere e per aver scritto di me.

La seconda è l'annuncio ufficiale del risultato di lunghi mesi di lavoro da parte dei bravissimi ragazzi della SIC, la Scrittura Industriale Collettiva: il Grande Romanzo Aperto cui ho partecipato anch'io vedrà la pubblicazione nel 2013 per Minimum Fax. Noi autori lo sapevamo da tempo, ma ora si può svelare: ecco qui un articolo che ne parla. Si tratta di "un romanzo a cento mani ambientato negli anni dell'occupazione tedesca in Italia e basato su aneddoti raccolti dagli stessi scrittori" e io sono felicissima di aver partecipato alla stesura, un lavoro atipico, diverso dal mio usuale metodo sia per argomento e genere sia per tipo di lavorazione, e per questo istruttivo e stimolante.
Ne saprete di più nei prossimi mesi, per ora rinnovo i complimenti alla SIC e in particolare ringrazio Vanni Santoni di avermi contattato, ormai anni fa, per chiedermi se fossi interessata a partecipare a questa avventura...
Attendo ora, come voi, di leggere il romanzo finito e stampato!

6 commenti:

  1. Ti prego! Mi sanguinano ancora gli occhi, se penso a quelle giacche! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piuttosto che il look gangsta... tsk tsk.
      Aspetta solo che il Combinaguai perda una scommessa *muahuahuah*

      Elimina
  2. Che dire, complimentoni! Sono soddisfazioni. La Minimum Fax, poi, sta gradualmente scalando la classifica degli editori che più apprezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, i complimenti devi farli ai ragazzi della SIC, io sono solo "una dei tanti" che ha dato un contributo. Però è stata un'esperienza istruttiva e un utilissimo esercizio e sono contenta di farne parte ^^

      Elimina