mercoledì 31 ottobre 2012

Halloween - so it begins the darker half of the year

Avevo pensato di dedicare un post a Halloween - Samhain, in effetti. Perché da settimane circolano su internet le solite idiozie sulla festa che in realtà "svia i giovani verso l'occulto" ed è "demoniaca" o quantomeno "può diventarlo". Perché naturalmente il "magico" e il "mitologico" che vanno bene sono solo quelli cristiani e/o in generale monoteisti. Avrei anche potuto citare tutti quelli che si lamentano perché "non è una festa nostra", "è un'americanata".


Ma sapete che vi dico? Proprio non mi va. Ne ho parlato ad ogni Halloween per vari anni, e adesso di tirar fuori i soliti argomenti, nel modo in cui sono abituata - ovvero esponi le opinioni altrui, poi fornisci la tua - non ho voglia. Halloween non è una moda esplosa oggi. Le solite menate, le solite proteste, le solite critiche si ripetono all'infinito. Perciò, stavolta mi limito a chiarire che:

- non me ne frega un tubo se "Halloween" è diventata famosa per via dell'influenza USA. La festa ha origini antichissime, celtiche e genericamente pagane, ergo, sì, nostre. Che la forma attuale sia "addomesticata", almeno nella versione che passa sui telegiornali o che vediamo nelle vetrine dei negozi, be', me ne frega altrettanto. Non è molto diverso dal nostro innocuo carnevale paragonato a quello delle origini. Perciò, se davvero pensate all'americanata, leggetevi Halloween - Nei giorni che i morti ritornano di Baldini e Bellosi (Einaudi) e scoprite un po' i rituali di una volta delle diverse regioni italiane che, ohibò, sono proprio tanto simili all'americanata di cui sopra.

- Non me ne frega un tubo nemmeno del fatto che sia una festa "consumistica", perché non lo è più di qualsiasi Natale, Pasqua, Carnevale e così via. E almeno il sapore horror/gotico/oscuro dell'atmosfera di Halloween mi piace.

- Sapore horror/gotico/oscuro non vuol dire ecco è una festa satanicaaa! Se c'è una cosa che mi irrita da pazzi è la deviazione mentale che porta a vedere il male e il diavolo ovunque, dietro feste come questa, musica, film, libri, vestiti neri e quant'altro. Per me è un'idiozia, punto e basta; ma se anche voi ci credete, be', padronissimi, ma che ha a che fare questo col desiderio di altre persone di festeggiare Halloween? Perché imporre ad altri la propria visione della faccenda? A ognuno il suo e non scassate le scatole. Nessuno fa i picchetti fuori dalle chiese a Pasqua per protestare che i cristiani venerano uno zombie, no? Vivi e lascia vivere, quant'è difficile da imparare...

- "Ma Halloween è davvero un festival pagano e ci sono le streghe e uuuh che paura!"
Ebbene sì, possiamo chiamarlo Samhain e ricordarci che questa è davvero una festa pagana - molto più antica di quella che i cristiani hanno tentato di sovrapporci, as usual. Ma la mia domanda è sempre: e allora? Nessuno vi legherà costringendovi a compiere riti alla Dea.
"Ma i bambini! Non c'è nessuno che pensa ai bambini?"
Ai bambini auguro solo una sana scorpacciata di cioccolato, porca di quella miseria. E se verranno a contatto con tradizioni e culture diverse anche a causa di Halloween, be', si chiama arricchimento tramite le differenze. E se il vostro pargoletto crescendo non sarà cristiano, ma pagano, o musulmano, o buddhista, o ateo, o agnostico, o jedi, o quel che accidenti parrà a lui, ecco la novità: saranno cavoli suoi!
Sinceramente, temo molto di più il fanatismo di un monoteista in vena di crociate che le streghe moderne.

- E, in definitiva: divertitevi come meglio vi pare e non rompete le scatole al prossimo. Festeggiate se volete, non fatelo se non vi va.


Perciò, in fin dei conti mi interessa solo mandarvi gli auguri migliori che posso, lasciarmi pervadere dall'atmosfera notturna della metà oscura dell'anno, godere della luce della luna piena, da sempre simbolo della divinità femminile; e come al solito tentare di respirare in armonia con quello che mi circonda. E con me stessa.


E siccome tutto il mondo sta condividendo This is Halloween da Nightmare before Christmas, io evito e vi piazzo invece questa colonna sonora - sì, in questo caso davvero - (neo)pagana. Così potrete spaventarvi di vedere tutta questa brutta gente in mezzo a immagini di streghe e simbolismi strani e dire ecco, visto, è satanismo! E dimostrare così di non aver capito un cazzo.
Join the dance!


Grazie ad Anna per la terza immagine.

8 commenti:

  1. Amen, sorella. (Oops...xD)

    Io ho letto questo su Fb:
    "Io sono Italiana, rinnego Halloween, non la mia cultura:
    1 Novembre festa di tutti i santi.
    2 Novembre Festa in ricordo dei morti".
    Fuck Christian Yeah.

    Buon Halloween ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Have a blessed Samhain ^___^
      Quello che non sopporto è: hai il diritto di non festeggiare Halloween se va contro i tuoi principi e la tua fede... ma che ti frega di quello che fanno gli altri?

      Elimina
  2. Cara la mia strega, buon Halloween.
    Non se ne può più con questi finti italianismi del rispettare la tradizione. Come dici tu, non è una tradizione di oggi, ma ha radici profonde anche qui, sebbene con modlaità leggermente diverse.
    E poi fosse anche solo americana cosa importa?
    La Terra è una!

    Poi detto da me che sono metallara nell'animo quindi sicuramente devota a Satana...

    Lasciamoli parlare, noi andiamoci a divertire...!

    RispondiElimina
  3. Sono in ritardo per un buon Samhain, mi tocca ripiegare su una buona giornata e - nel caso - buon ponte. =)
    Una piccola argomentazione contro le malelingue detrattrici: di questi tempi c'è poco da definire consumistica qualsiasi festa. C'è poco da consumà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona giornata/buon ponte a te!

      Elimina
  4. Stessa lunghezza d'onda! bel post

    RispondiElimina