venerdì 19 ottobre 2012

Zombies everywhere

Avete presente quando nel giro di pochi giorni lo stesso argomento continua a capitarvi davanti? Magari non ci pensavate da settimane, mesi o anni, e poi zac, tutti lo tirano fuori.
Be', questa è stata senza dubbio una zombie week. Ergo, per tutti gli appassionati là fuori, ecco un campionario degli svariati modi in cui i simpatici morti viventi mi sono comparsi davanti (non letteralmente, ovvio). Moda? Senza dubbio. Da quando i mostri e l'horror sono diventati roba per adolescenti in balia dell'aMMMore, i teschi sono diventati fashion, i vampiri fidanzati ideali e gli zombie cool. Cioè: le creature più schifose del pantheon orrorifico (ci pensate mai all'odore che emanerebbe un cadavere in putrefazione che ciondola in giro?), quelle più facili da sfottere perché, andiamo!, come si muovono? Quanto sono goffi?, nonché quelle che vi ammazzano nel modo più doloroso (mangiati vivi... ma vi rendete conto?) Ebbene, gli zombie ora sono "in".
O tempora, o mores.

Comunque, ecco un felice campionario zombesco tutto per voi. Inizio con qualcosa che mi ha lasciato a metà tra l'estasi e la sghignazzata incontrollabile: la sigla di The Walking Dead riveduta e corretta per adattarsi all'atmosfera del telefilm. Tutta la mia stima al genio che ne è l'autore, e grazie a Germano (autore anche di un'interessante classifica in tema) che me l'ha fatta scoprire. Di TWD ho parlato in questo post.


Sempre in ambito musicale, però, ecco come dovrebbe essere una canzone sugli zombie: come un bellissimo pezzo degli svedesi In Flames che in questo periodo ascolto quotidianatamente perché l'ho inserito nella playlist della storia cui sto lavorando. Storia che non è a tema zombie, lo specifico; ma questa Dead End si adattava comunque a una certa parte del romanzo. Be', ascoltatela col testo, di cui riporto qui una parte, e ditemi se non è d'impatto. Non so a cosa davvero pensassero gli In Flames quando hanno scritto questo brano, ma io lo vedo molto adatto:

So say goodbye to the world
We are the dead that walk the earth
Scream your lungs out, wait for laughter
You don't have to wait forever, it's the next disaster!

What decides when you've lost the war
When the first man falls? Or when they erase it all?

We're too numb to feel the downfall starts right here
Hold your breath and swim, swallowed my life's tear

In times of make believe no one really seems to care
Maybe I should care less 'cause I will die too

What will it take for us to realize
The more we provoke winter will come twice

Save all your prayers, I think we lost today
There's no morning after and no one's around to blame


Gli zombie infestano anche le librerie, purtroppo. E dico purtroppo perché non si tratta di una nuova messe di romanzi straordinari come World War Z, ma di storpiature adolescenziali di una tristezza infinita, come questa (anche qui) o quest'altra, vista giusto stamattina. Cheppalle...

Siccome si avvicina Halloween (no, non me ne frega niente delle proteste cristianoconservatrici del tipo "è una festa pagana", "non appartiene alla nostra cultura" et similia, ma su questo tornerò in un altro post) anche il mio profilo Facebook ha "indossato" una cover in tema, questa:


Si tratta, se non li avete riconosciuti, dei 30 Seconds To Mars in versione horror, da sinistra l'inquietantissimo Tomo, Shannon "sì l'espressione da zombie ebete mi viene proprio alla grande" e il sempergnokkus Jared. L'immagine è presa da questa pagina.

Ma morto vivente ormai vuol dire anche Zombie Walk, la manifestazione che vede orde di cadaveri in giro per le città in mezzo alla folla comune. Di recente c'è stata anche a Torino: a questo link potete vedere le splendide foto di Rachele Totaro, che vi ho già fatto conoscere qui, mentre qui sotto un video realizzato anche grazie a quelle stesse immagini da messer Luca Colarelli.


E per oggi è tutto... Alla prossima, zombetti miei!*

* Sì, nello scrivere questo penso con nostalgia al caro vecchio Zio Tibia... Chi se lo ricorda?

4 commenti:

  1. Genio imperituro l'autore della sigla di TWD, che è quella che meglio si adatta. Momento preferito, quando il nostro Daryl, su quelle note allegre, si sistema la collana di orecchie. XDD

    Anche io sto facendo una serie di post su e pro Halloween. è una festa fighissima. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La collana di orecchie. Ohddea, cerco sempre di dimenticarmela =___=

      Elimina
  2. No, un altro PR sugli zombi. Dea, che tristezza infinita. E che stanchezza.
    La canzone degli In Flames è bellissima. Okay, saranno il prossimo gruppo che ascolterò non appena mi sarò stufata degli Arch Enemy ^^
    Quanto a Tomo... cavolo, fa impressione! E' uno zombie fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La canzone degli In Flames è bellissima. Okay, saranno il prossimo gruppo che ascolterò non appena mi sarò stufata degli Arch Enemy ^^

      Alcuni loro dischi sono bellissimi, altri sono ciofeche. Ti segnalerò gli uni e gli altri ^^
      Comunque... Brava, giovane padawan. Presto il tuo passaggio al Lato oscuro della Musica sarà completato *muahuahuah*

      Quanto a Tomo... cavolo, fa impressione! E' uno zombie fantastico!

      Sì, meraviglioso! In questa veste ammetto che batte perfino il Dio Puccio! *___*

      Elimina