venerdì 28 dicembre 2012

Videoclip: Serj Tankian - Harakiri, Borders are, Empty walls

Siccome è da un po' che non vi propongo un videoclip da scoprire o riscoprire, oggi vi offro alcune canzoni che suonano a ripetizione nel mio iPod e nel mio iTunes in questi giorni, a partire dalla subitanea ossessione per Harakiri, brano tratto dall'album omonimo di Serj Tankian, il più recente. Se non lo conoscete, Serj è il (bravissimo - porca pupazza che voce che ha *___*) ex cantante dei System of a Down, band che apprezzo in modo discontinuo - leggi: certi brani, non altri. Come solista ha realizzato quel capolavoro che è Elect the Dead, seguito da Imperfect Harmonies (carino, ma meno riuscito secondo me) e da questo Harakiri (niente affatto male). Impegnato socialmente, intelligente, ironico (si veda questo video in cui Serj intervista Serj, nonché il tecnico del suono Serj, il produttore Serj, mentre arriva il ragazzo della pizza Serj... eccetera), cosa volere di più? Minimo prima o poi lo userò come prototipo per qualche personaggio... ^^
Oggi, per abbondare, vi propongo una canzone da ciascun disco: la splendida Empty walls dal primo album (ma ci sarebbe l'imbarazzo della scelta, meriterebbero anche Sky is over e The unthinking majority e... ehm), Borders are dal secondo e, come detto, Harakiri dal terzo. Enjoy!



4 commenti:

  1. Conosco (e apprezzo) Elect the Dead, ma non ho mai ascoltato il nuovo lavoro. Lo ascolterò in un contesto più altovolume-friendly.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se ti sconfinfera ^^

      Elimina
    2. La seconda non tanto. Mi sembra chiaro (su una statistica misera) che ha proseguito la scelta stilistica presentata con EtD. Da una parte mi piace, perché nella sua produzione solista la sua voce pazzesca risalta molto di più, rispetto ai SoaD. Però, boh. Già in EtD c'erano dei brani meno convincenti, al di là di quelli che hai citato sopra.

      Elimina
    3. Ai suoi dischi gioverebbe una sfoltita: qualche brano inutile o comunque men ispirato c'è sempre, anche in EtD. Detto questo, EtD il migliore, il secondo trascurabile - ma non lo ascolto da una vita, chissà, magari un giorno lo riprenderò e lo rivaluterò -, Harakiri non male ma, appunto, tredici brani... poteva tranquillamente metterne quattro o cinque in meno.

      Elimina