lunedì 14 gennaio 2013

3 parole per il 2013

Da questo post di Romina sono venuta a conoscenza dell'iniziativa di Penna Blu chiamata Scrivere nel 2013, una serie di articoli dedicati alla scrittura e agli obiettivi, alla crescita, al percorso che ci si pone per questo nuovo anno. Non semplicemente un elenco di "buoni propositi" in stile Capodanno, ma riflessioni, domande, punti di vista da prendere in considerazione con concretezza. E sebbene non prometta di partecipare a tutte le iniziative che nel corso dell'anno andranno sotto questa etichetta, senza dubbio accoglierò gli spunti che mi colpiranno di più per parlarne qui. Con il doppio obiettivo che, per me, è sempre valido ogni volta che apro Chrome per postare qualcosa su questo blog: scrivere per vedere cosa penso (non è uno scherzo: mettere in ordine i pensieri per renderli comprensibili agli altri li rende anche più chiari e organizzati per me, estraendoli dal magma caotico che è la mia testa) e scrivere per confrontarmi con chi capiterà da queste parti e avere così un arricchimento, scoprire nuovi punti di vista e gettare magari una luce nuova e diversa su ciò che mi interessa.

3 parole per il 2013

Il primo dei post di Penna Blu è 3 parole per il 2013. Sintetizzare con tre vocaboli obiettivi, punti deboli da correggere, sfide da superare quest'anno, sempre, com'è ovvio, dal punto di vista "scrittorio". Da scribacchina, insomma. Daniele di PB pone la questione sia dal punto di vista della scrittura vera e propria, sia da quello dei traguardi da raggiungere, e suggerisce diverse domande su cui meditare per capire quali sono le "tre parole" (chi commenta "sole cuore amore" si prepari a essere trafitto dalla mia spada, senza pietà). Io ho riflettuto, ho ponderato, ho vagliato... ma chi prendo in giro? Sono tornata sull'argomento in modo del tutto random, tra me e me, ho deciso, ho scordato, ho scelto, ho ri-scelto, e, insomma, in sintesi il risultato, con tre c, è:

Concentrazione. Appunto. Focalizzarsi solo su quello che sto facendo al momento, non "ehi, aspetta, una notifica, oh, ma quella scena com'era? Però potrei aprire anche quell'altra storia, ah, ecco un'idea per un'altra ancora... 'fanculo, guardo Scrubs e poi ah già ho dimenticato di fare quello e quell'altro e... giusto!, devo ancora controllare Tumblr, uh, chissà se c'è posta". Ecco. L'idea è di sfruttare il sistema TWL, la To Write List. E il Write or Die, che non uso da un po'.

Curiosità. Sperimentare qualcosa di nuovo. Idee, stili, mescolanze. Applicarmi nel provare tecniche, nello studiare tecniche. Provare, insomma, a stupirmi e a migliorarmi, sempre di più. Non so ancora prevedere dove mi condurrà questo "sperimentare", ma lo scoprirò. Terrò le antenne dritte, insomma.

Coraggio. Ecco una parola importante. Coraggio per difendere le mie idee, coraggio per metterle in discussione e accogliere quelle altrui. Coraggio di ascoltare e di farmi sentire. Coraggio di essere ciò che voglio essere. Coraggio di affrontare la novità, la pressione, i contro dei sogni che ci si immagina sempre e solo come pro. Coraggio di godersi il bello e di lasciarsi scivolare addosso il brutto. Mi aspetta una bella sfida, quest'anno, cerco di immaginare come sarà, ma solo vivendola lo scoprirò davvero. E io voglio affrontare questa sfida al massimo delle mie capacità, al massimo della mia forza. Man mano, quando potrò e sarà opportuno, vi racconterò come andrà.

Why yes, I am continually formally intellectually dramatically writing humorously, emotionally, passionately, and persuasively. ;) [Great poster to give visuals to descriptions]

2 commenti:

  1. Belle le tue 3 parole e grazie per lòa partecipazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passato e per l'iniziativa!

      Elimina