mercoledì 9 gennaio 2013

Don't talk to strangers - Dio & Blind Guardian

L'ultima volta che ho proposto un confronto tra originale e cover, ho tirato in ballo i mostri sacri Black Sabbath rivisitati dai Pantera; stavolta, un nuovo grande classico, Don't talk to strangers, uno dei pezzi più belli della carriera solista di Ronnie James Dio, dal seminale album Holy diver. Mi ritengo fortunata ad averlo visto in concerto, e più di una volta, sia come solista, sia come ospite dei Deep Purple, sia, infine, con gli Heaven & Hell pochi mesi prima che si apprendesse della sua malattia. La sua grandissima voce resterà nella storia di oltre quarant'anni di musica, dagli Elf, ai Rainbow, ai Black Sabbath, e poi con la band che porta il suo nome; e non scordiamoci che l'ondata power-fantasy del metal anni Novanta deve moltissimo proprio a Dio, che portava i draghi e le storie fantasy sul palco già da tempo.
A questo link potete dunque godervi la canzone che vi ho citato (1983) in performance live; mentre qui trovate la cover realizzata una quindicina di anni dopo dai tedeschi Blind Guardian (sempre siano lodati), che modernizzano il sound e propongono, a mio parere, una buona versione del pezzo, senza osare troppo (non è raro che stravolgano i braniche coverizzano, ma evidentemente qui vince il rispetto per il mostro sacro, mentre gli sconvolgimenti li riservano alle canzoni leggere e pop). Se Blogspot me lo concede, trovate le canzoni anche qui sotto.


5 commenti:

  1. Adesso lo dico: io adoro i Black Sabbath e ho sempre preferito Ronnie James Dio a Ozzy Osbourne.
    Ho sempre trovato Ozzy supponente e Dio simpaticissimo e più affine al mio immaginario metal fatto di draghi, voci possenti e chitarre.
    Dio era un cantante eccellente, un talento emotivo, travolgente.
    Anche la cover dei Blind Guardian è bella, suoni più moderni, ma bella!!!!

    RUN AWAY RUN AWAY...... (guitar solo)

    RispondiElimina
  2. Ho sempre preferito Ronnie James Dio a Ozzy Osbourne. Ozzy l'ho sempre trovato un po'supponente.
    Dio aveva una voce eccellente, e si avvicinava al mio immaginario metal fatto di draghi, voci possenti e testi onirici.
    E poi non scherziamo, la voce di Ronnie James Dio era magica, emotiva, potentissima.

    Anche la cover dei Blind Guardian è bella, con suoni più moderni, ma bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', Ozzy è un personaggio e la sua voce è particolare, anche se tecnicamente si sa, Dio se lo mangia a colazione. Il buon Ronnie con la sua aria da folletto... *sospiro* Ci mancherà.

      Elimina
  3. Anch'io ho avuto la fortuna di vedere Dio dal vivo, con gli Heaven and Hell. Una delle voci che preferisco, è un peccato che se ne sia andato. Devo dire che anche la cover non mi dispiace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo che sia una cover con una certa energia ^^

      Elimina