mercoledì 13 febbraio 2013

Videoclip: Soundgarden - Black Hole Sun

Qualcuno di voi forse ricorderà il lontano periodo in cui, su Tele Monte Carlo (esisteva, già) e sue derivate, a tarda notte era possibile cogliere video metal. Sì: questo misterioso elemento, snobbato ovunque su qualunque tv o radio italiana, salvo rare eccezioni, un tempo era avvistabile, grazie prima a dj Mixo (che fine hai fatto, tu con la tua chioma rosso fuoco? Mi eri simpatico, anche se mettevi i Blind Guardian senza capire un tubo di Mirror Mirror e a cosa si riferisse) e poi a un semplice contenitore. I miei ricordi sono vaghi - il mio cervello è geneticamente programmato per rimuovere larghe fette del mio passato pre-vent'anni -, ma rammento la frustrazione per il fatto che, su ventordici milioni di video metal possibili, in tv passassero sempre i soliti dieci (Paranoid dei Black Sabbath, Make believe degli Angra, Black Diamond degli Stratovarius... sì, si usciva dal grunge e si era in piena ondata power. Anzi, paua). Estasi e incredulità quando ne capitava uno nuovo. O quando Mixo organizzò lo specialone sui Kiss, per l'uscita di Psycho Circus (reunion mascherata, il video del singolo passò ADDIRITTURA su Italia Uno, se non ricordo male. Nel '99 fu il mio primo concerto "grande", cioè in un'arena milanese - il primo in assoluto fu Blind Guardian, Nightfall in Middle Earth Tour, novembre 1998. Conservo ancora in una scatola gli occhialini 3d dello show dei Kiss...
... Ma *ah-ehm* sto divagando. Tutta la premesse che è sbrodolata qui sopra si deve al fatto che oggi voglio ricordarvi uno dei pochissimi videoclip che era possibile pescare in tv. Nel grunge, al di là dei "soliti" Nirvana esistevano altre band, tra cui i Soundgarden. Che con questo inquietantissimo video, Black Hole Sun, devono aver traumatizzato la me stessa adolescente. O forse no, era già abbastanza traumatizzata per impressionarmi più di tanto. Comunque, eccovelo: bella canzone, ipnotica, video geniale seppur inquietante (mi ricorda i quartierini coloratissimi dell'alienante borghesia burtoniana alla Edward Mani di Forbice, se devo lasciarmi andare alle associazioni mentali). Enjoy!
E, per curiosità, leggete cosa il cantante Chris Cornell dice in merito.

4 commenti:

  1. É una delle mie canzoni preferite, e ovviamente il video è disturbing quanto basta per renderlo interessante per una mente contorta come la mia.
    Uno di quelli che mi ha colpito di più, assieme a "Heart shaped box" dei Nirvana (anche in questo caso adoro la canzone prima ancora che il video) e - andando molto indietro con gli anni - a "Close to me" dei Cure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, una volta questo video mi impressionava moltissimo! Era periodo di clip disturbanti...

      Elimina
  2. Hai tirato fuori dei bei titoloni! All'epoca forse ancora non ascoltavo metal. Ho iniziato nel 2001/2002 o giù di lì. Ricordo però che il palinsesto di TMC (e TMC2) era meritevole. Uno su tutti, Stargate.
    Bella anche la canzone, probabilmente l'unica che conosco di Chris Cornell al di fuori degli Audioslave. Ipnotica come solo i The Doors, se mi è permesso dirlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio tutto Superunknown, come album dei Soundgarden ^^ Io avevo qualche cassettina hard rock e metal già ai tempi delle elementari, grazie al fratelloide maggiore, ma ho iniziato ad ascoltare davvero musica solo intorno al '98.
      Cavoli, quanto tempo...

      Elimina