giovedì 18 aprile 2013

Shine


Sono quelle le persone che amo. Quelle che voglio nella mia vita. Quelle che mi fanno sentire fortunata.
Le persone a cui brillano gli occhi.
Brillano perché hanno qualcosa da dire. Brillano perché c'è tutto un mondo, dietro i loro sguardi. Brillano perché hanno una forza, dentro, che supera tutte le paure; anche quando tremano, anche quando quegli occhi nascondono un'angoscia che si rivela all'improvviso.
Brillano perché hanno luce, dentro, nonostante i lati oscuri; vedi quella luce, senti quel calore, quando sorridono, quando le prendi per mano.
E io assorbo tutto quello che posso, in loro compagnia. Come l'acqua occupo gli spazi che lasciano disponibili, e non smetterei mai di ascoltarle, di guardarle, quelle persone. Né di raccontarmi a loro. Perché è così che voglio essere anch'io: portare una scintilla ovunque vado, illuminare la giornata di qualcuno con un sorriso, sapere che, quando abbandono un posto, il mio ricordo non se ne andrà così facilmente; essere una, sola e unica, anche in mezzo a una folla. Essere qualcuno che valga la pena guardare, ascoltare, osservare.
Mai essere indifferente. Mai passare un giorno senza che, anche solo per qualche istante improvviso, qualche scintilla brilli imprevista e colori il grigiore. Affollare una stanza di personaggi e voci e scoprirne ancora e ancora.
Essere una rock star, nel nostro piccolo, mi ha detto ieri una di quelle persone: che non significa essere un patetico wannabe con la sindrome da Peter Pan e il mito di imitare qualcuno (e ne conosco). Non vuol dire fare la rock star. Vuol dire we rock inside, vuol dire essere se stessi, nel bene e nel male, senza mezze misure, con i vestiti strani e l'ironia tagliente e i gusti bizzarri e il modo strano di osservare una strada e immaginare una storia, di girare un angolo e domandarsi se al di là c'è un mostra, e cosa succederebbe se; vuol dire tenere alta in mano la torcia che sprizza tutte quelle scintille. Che a volte scottano. Ma, per la luce che emana o per le bruciature che lascia, anzi, per la luce che emana e per le bruciature che lascia, non passa mai inosservata.
E le riconosci, le persone così. Io ne conosco. Qualcuno mi dice che lo sono anch'io. Finally found myself, fighting for I chance, I know now this is who I really am inside.

On air:
Three Days Grace, One-X
Dio, Stand up and shout
Do you think about
Everything you've been through
You never thought you'd be so depressed
Are you wondering
Is it life or death
Do you think that there's no one like you

We are
We are
We are
We are the ones
We get knocked down
We get back up and stand above the crowd
We are one
We are the ones
We get knocked down
We get back up and stand above the crowd
We are one

4 commenti:

  1. Se c'è una cosa che adoro avere attorno sono le persone luminose visto che io tendo al pessimismo cronico. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio persone luminose. Persone speciali. Persone con mondi interi dentro. Non mi accontenterò mai più di meno di questo.
      E per quanto riguarda l'umore... Io vengo in pratica da "Everything" di Alanis Morissette:
      "I can be the moodiest baby and you've never met anyone
      Who is as negative as I am sometimes
      I am the wisest woman you've ever met.
      I am the kindest soul with whom you've connected.
      I have the bravest heart that you've ever seen
      And you've never met anyone
      Who's as positive as I am sometimes"...

      Elimina