mercoledì 8 maggio 2013

Between life & death


Io amo i cimiteri.
Quelli scozzesi, con le lapide storte e i fregi celtici e i gatti che passeggiano tra le tombe, sistemate su collinette spruzzate di erica. Ma anche quelli "nostrani" come il Cimitero Monumentale di Milano, un posto dove ormai sono stata più di una volta, ma che non visitavo da anni quando ci sono tornata ieri pomeriggio insieme a un amico amante dell'arte cimiteriale quanto me - anzi, molto più esperto: Luca Tarenzi. D'altronde, il Cimitero Monumentale ricorre sia nei suoi libri - Le due lune - sia in uno dei miei che... be', abbiate pazienza ancora un po' ;-)

Don't blink!
Un bel giro, dunque, tra tombe di famiglia, statue, nomi noti e sconosciuti, con qualche foto da scattare e gli inevitabili "Quello sembra uno degli Angeli Piangenti di Doctor Who!" (Sì, io seguo la serie da poco e sono solo alla terza stagione - quindi NIENTE SPOILER PLEASE -, ma giusto pochi giorni fa ho visto la prima puntata fra quelle dedicate ai weeping angels). Come si dice, don't blink!

Ieri il cimitero era quasi deserto e abbiamo potuto quindi passeggiare senza fretta e con tutta la tranquillità che si poteva desiderare. Qui vedete giusto una manciata di foto, ma qualcuna in più - mie o courtesy of Luca - le potete trovare a questo link (è una pagina di Facebook, ma pubblica, perciò dovreste poterle visualizzare anche se non siete iscritti). Una delle mie preferite, comunque, è quella che vedete qui sotto: assolutamente magica.
Progetto di girare ancora un bel po' per Milano, comunque. Ci sono molti posti che voglio vedere e molti altri che ho visto e in cui voglio tornare. In parte per via dell'ambientazione della storia cui ho accennato sopra, ma non solo.






Dopo il Cimitero, un altro giro, questa volta in centro, dalle parti del Duomo, all'Ossario di San Bernardino, che invece non conoscevo e dove non ero mai stata prima che mi accompagnasse Luca ieri. Anche in questo luogo si svolge una scena delle Due lune, e devo dire che anche alla piena luce del giorno, la suggestione di questo ambiente raccolto, decorato con ossa e teschi a memento mori, è grande.



Ok, alla fine c'è pure una foto mia ^___^


9 commenti:

  1. San Bernardino alle Ossa, tra l'altro proprio dietro la Statale, è uno dei luoghi più nascosti, e più belli, di Milano. Anch'io, cara, apprezzo come sai l'arte cimiteriale, tanto che almeno un terzo delle foto che ho di Parigi vengono tutte dal Père Lachaise. Non appena abbiamo l'occasione, invece, devo mostrarti quelle scattate in due piccoli cimiteri croati, a Veli Losinj e Mali Losinj, che sono forse fra i più suggestivi - e inquietanti - che io abbia mai visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, devi! *___* San Bernardino non lo conoscevo, finché non ho letto il libro di Luca, anni fa, e ne ho parlato con lui. Il Père Lachaise è il principale motivo per cui voglio tornare a Parigi (l'unica volta che ci sono stata, ahimè, non lo vidi).

      Elimina
  2. Risposte
    1. Vero! Merita sempre una passeggiata. Stavolta poi ho fatto anche il camminamento sopra le mura ^^

      Elimina
  3. Strano a dirsi, non ho mai visitato il Monumentale!
    San Bernardino invece sì, è sempre molto suggestivo.
    In generale mi piacciono i cimiteri. Due estati fa a Lecce io e un amico ci siamo fatti gridare dietro perché abbiamo preso a girare nel cimitero anziché andare a vedere altri monumenti.
    Meritava anche la città dei morti.

    RispondiElimina
  4. Non so come ma feedly mi ha mandato su questo tuo post "vecchio". Poche settimane fa ho visto per la prima volta il Monumentale e posso solo dire che è davvero "monumentale"! Come struttura è proprio bella, niente da dire. Certo un po' malinconico come posto, eh, ma i cimiteri hanno un loro fascino.

    Ho visto anche l'Ossario di San Bernardino a gennaio e ha un aspetto un po' spettrale, secondo me, però è davvero un posto particolare e da visitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Forse perché ho citato questo post in quello di oggi, e allora è rispuntato tra i tuoi feed...
      Il Monumentale è magnifico, anche se ormai è affollato di arpie, divinità, fauni e ninfe... XD L'Ossario non lo conoscevo se non da Le due lune di Luca, quando mi ci ha portato l'ho trovato davvero affascinante!

      Elimina