lunedì 13 maggio 2013

Cover a confronto: Everything counts - Depeche Mode & In Flames

Canzone storica, oggi: Everything counts dei Depeche Mode, per me inesorabilmente associati ad atmosfere malinconiche, dark, tra rock, elettronica, alternative (e tutta una serie infinita di definizioni che non riporto, perché, cheppalle, che bisogno c'è di etichettare sempre tutto?) Un gruppo che chiunque prima o poi coverizza, perciò potrebbero fornire materiale a questa rubrichetta per infinito tempo (e magari lo faranno anche).
Dovendo scegliere una canzone sola, oggi propendo, come detto, per questa Everything counts, anno 1983 (cioè, mi rendo conto ora, è quasi mia coetanea. La cover che propongo in questo periodo rientra nella mia playlist, per svariati motivi, non ultimo il fatto che da qualche mese ho un buon rapporto con gli svedesi In Flames, i quali l'hanno registrata nel 1997, in Whoracle.
Ecco qui le due canzoni: giudizio? In questo caso, a me piacciono entrambe. Sento forse più affinità con le sonorità Swedish, ma, a seconda dell'umore, ascolto l'una o l'altra.
Potete sentire originale e cover qui sotto o cliccando sui link.


8 commenti:

  1. Io ho ascoltato prima la cover. Dato che adoro Whoracle, la cover surclassa l'originale a causa della mia adorazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho sentito prima quella degli In Flames, e ci sono maggiormente affezionata ^_^

      Elimina
  2. Uhmmm.... considerato che le mie corde si toccano preferibilmente con deliziosi suoni sintetici perfettamente calibrati, voto decisamente per l'originale. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie corde vibrano per le chitarrone invece ^_^

      Elimina
  3. Ehm... per una pura questione anagrafica ho ascoltato prima l'originale... ma d'latra parte i DM si prestano sempre molto bene ad essere coverizzati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è vero. Però io, pur appressando entrambe, propendo per le chitarrozze degli In Flames, alla fine XD

      Elimina
    2. Pure io. Tra l'altro capita spesso che le cover siano meglio degli originali. Vedi Bob Dylan, per esempio: sentire lui che raglia è una cosa fastidiosissima, ma tutte le sue canzoni, quando riprese da altri, diventano inspiegabilmente dei capolavori (vedi "All Along the watchtower" oppure "Knocking on Heaven's Door").
      Se ti interessa una cosa fantastica (almeno per me) prova ad ascoltare cosa hanno fatto i Graveworm di un'hit anni 80 dei Pet Shop Boys. La trovi qui

      Elimina
    3. Infatti spesso, quando propongo questi confronti di cover, preferisco i brani recenti agli originali... Grazie per il link!

      Elimina