martedì 14 maggio 2013

Serie tv: Once Upon A Time - season 2 - finale

(Warning: naturalmente, spoiler come se non ci fosse un domani.)

Ma porca di quella miseria.
Lo so, lo so. Il concetto stesso di "ultimo episodio della stagione" sta per "lasciamo tutti i personaggi in sospeso così DOVRETE guardare l'inizio della stagione successiva". E a differenza di quell'opera buffa che è The Walking Dead, Once Upon A Time, pur con alti e bassi e qualche contorsione di troppo (già era complessa in partenza, figuriamoci quando si aumentano i personaggi per inventarsi qualcosa di nuovo), non ha mai veramente deluso. Non si guarda questa serie tifando contro i personaggi, insomma, a differenza, appunto, di TWD che ti fa solo sperare nel trionfo degli zombie. Anzi: con poche eccezioni, in Once Upon A Time è complicato trovare personaggi da detestare. E anche quando pensi di avercela fatta (chi ha detto "quello gnokko di Hook" che ha osato sparare a Belle e farle perdere la memoria?), saltano fuori lati imprevisti, cambi di prospettiva, nuovi flashback che illuminano aspetti inediti dei suddetti personaggi.
Come Hook, appunto, che si è fatto odiare, ha tradito e ritradito, e all'ultima puntata riesce a mostrare il suo lato umano (be', d'altronde la sua sete di vendetta deriva dalla perdita della donna che amava, mica dal capriccio) e una possibilità di redenzione, tornando sui suoi passi per fare la cosa giusta. Come Regina, che dopo averla menata un po' troppo, a mio parere, col tira-e-molla "buona o cattiva", si sacrifica per gli altri... o meglio, è pronta a farlo, ma l'intervento di Emma (che fa un po' da deus ex machina, ormai, con 'sta faccenda dell'avere poteri magici "perché sì"... ovvero perché lo dice la profezia) salva lei e, nel più classico "l'unione fa la forza", l'aiuta a disinnescare la pietra magica che avrebbe presto distrutto Storybrook e ucciso tutti coloro nati nel paese delle fiabe. Ordigno attivato dai due nuovi cattivi, Tamara & complice, che prima avevano una motivazione, poi ne è saltata fuori un'altra, adesso ne è arrivata un'altra ancora... argh! Quando sapremo tutto? Ah, già. In autunno...

Per concludere, qualcosina che non mi è piaciuto e qualcosa che invece è stato da sbavo. Non ho apprezzato la fretta con cui tutti hanno dato Neal/Baelfire per morto, che puzza troppo di comodità per gli sceneggiatori: veniale, per carità, ma sono quelle cadute di stile che rendono un po' più opaco lo "smalto" della serie. Così come è frettoloso l'annullamento dell'incantesimo che sta per distruggere la città.
In compenso, come dice Socia Vale, il "dream team" che alla fine parte per salvare Henry rapito promette benissimo! Però, mannaggia a Rumple che lascia indietro Belle, uffa. Proprio lei deve stare in città e attivare l'incantesimo protettivo? Ma quand'è che quei due potranno avere un po' di pace?... Sigh sigh. Domanda retorica da fangirl, I know. Il loro ritrovarsi - finalmente! - con Belle che riacquista la memoria è terribilmente aaaw, e il loro bacio d'addio pure. Non resta che aggrapparsi alla speranza come Belle stessa fa.

Ma, soprattutto, è da sbavo la versione inquietantissima dei Bimbi Sperduti e di Peter Pan - il quale, in realtà, non si è ancora visto: abbiamo solo apprezzato la sua ombra, una puntata fa. Si tratta di una storia cui sono estremamente affezionata, quella di James Matthew Barrie; ma la rielaborazione di OUAT, per quanto infedele, promette talmente bene e si richiama così a fondo a quel lato oscuro, caotico, che è presente anche nell'originale, che non posso non pregustare ciò che verrà. E che Peter Pan possa essere il cattivo della prossima stagione... be', ragazzi: pare proprio che ne vedremo delle belle.

Alla faccia del bambino sperduto...

3 commenti:

  1. delusione piuttosto che no.
    però confido molto in peter pan per la terza stagione!

    e comunque di personaggi insopportabili ce ne sono anche in once: henry è un bimbominkia odioso ahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono rimasta delusa, anzi. E per quanto riguarda Henry, a volte lo usano come scusa per far capitare disastri, a volte è un po' irritante, ma paragonato a Carl di TWD...

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina