martedì 18 giugno 2013

Cover a confronto: The sound of silence - Simon & Garfunkel e Nevermore

Oggi vi segnalo una cover piuttosto particolare: la versione che i Nevermore, band americana che ha come marchio di fabbrica la voce di Warrell Dane, hanno realizzato di un grande classico, The sound of silence di Simon & Garfunkel.
Vi devo avvisare: se amate l'originale, o anche solo se ce lo avete presente, la cover potrebbe sconvolgervi un bel po'. L'atmosfera è completamente diversa, i suoni pure: da un lato la dolcezza, la malinconia, dall'altro chitarre pesanti e un'interpretazione vocale che trasuda perfidia. La dimostrazione, a mio parere, di come si dovrebbero comporre le cover: non una semplice riproposizione, ma una totale rielaborazione, che crea un pezzo nuovo. Ascoltare per credere.

Come al solito vi chiedo: quale versione preferite? In questo caso, però, la distanza è così tanta che, per quanto mi riguarda, non posso che dire: mi piacciono entrambe, in modi diversi e per momenti diversi. Enjoy!



6 commenti:

  1. Questa è stata difficile da digerire, dato che la canzone è tra le mie preferite! Comunque concordo, le cover non dovrebbero essere una mera riproposizione, nota per nota, altrimenti ha poco senso - a meno, ovviemente, di suonarla con gli amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un amante dell'originale rischia di essere un pugno nello stomaco! Ma io adoro il lavoro che hanno fatto i Nevermore. Certo, è un'altra canzone. Forse proprio per questo è venuta bene!

      Elimina
  2. Io sono stato tirato su a Simon&Garfunkel, poi da appassionato dei Sanctuary ho adorato praticamente qualsiasi cosa dei Nevermore, e questa in particolare la ascolto ogni tanto. Trovo belle tutte e due, per motivi diversi, proprio come dici.
    Una di Paul&Art che sento spesso è Scarborough fair, che non c'entra niente ma essendo una canzone popolare ha avuto tre o quattro interpretazioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ne parlerò in futuro ;-) I Nevermore ho un po' smesso di seguirli, dopo "Dead heart in a dead world" che mi è piaciuto un sacco, il resto mi ha convinto meno e me ne sono allontanata. Prima o poi li riprenderò e mi aggiornerò ^^

      Elimina
  3. Mah, questo mio vecchio post in due parti dovrebbe dirla lunga su quale versione preferisco...

    RispondiElimina