venerdì 19 luglio 2013

Cincillando

Telegraficamente.

- Questa settimana entrerà nei miei personali annali. Buone notizie per le persone intorno a me, buone notizie per me, chiamate inaspettate, conquiste. Giorni fa ho scritto su Facebook stamattina saltello come un cincillà! Be', il cincilleggiamento* continua.

- Due giorni fa ho improvvisamente preso coscienza di una cosa. Una cosa che ancora non posso dirvi. Una cosa che in realtà so da mesi. Ma ne ho preso davvero coscienza due giorni fa. Grazie a uno scatto di fortuna fatto in metropolitana, che una persona mi ha mandato poi via mail. Hanno cominciato a tremarmi le mani. Mi è mancato il respiro. Dopo un po' ho realizzato, davvero realizzato, davvero davvero davvero. E ogni tanto il pensiero mi colpisce. Da allora, indifferente a stanchezza, sonno cronico, occhi che bruciano e testa che mi fa male a furia di stare al pc, ogni tanto mi ritrovo a ripetermi solo Oddea oddea oddea.
Oddea oddea oddea.

- Fino a lunedì io non esisterò più. In pratica mi piazzerò sul benedetto editing della mia storia e non mi alzerò più dalla scrivania. Si tratta di un lavoro luuungo. Da un lato non ne posso più. Dall'altro voglio che tutto sia al massimo. Dall'altro ancora mi verrebbe da stravolgere ogni frase perché nulla sembra abbastanza buono. Dall'altro ancora-ancora mi sembra di aver dimenticato qualcosa o non aver descritto bene un'altra cosa o... argh.
Esiste un momento in cui bisogna fermarsi, lo so. E non è il momento in cui si raggiunge la perfezione, perché quella non esiste. E so che, quando chiuderò il file e dirò "ok, è pronto", non dovrò assolutamente più aprirlo o comincerò a volerlo smontare da capo.

- Post-concerto, non riesco più a levarmi dalla testa le canzoni di quella sera. Sono taaanto adatte. Una a come mi sento. L'altra alla feroce battaglia che combattiamo ogni giorno, per scrivere.

- Però, ragazzi, io ve lo dico: cincilleggiamento a parte, ho bisogno di dormire. Ho bisogno di staccare. Negli ultimi due giorni ho stabilito un record: non ricordo nemmeno di addormentarmi. Cioè, solitamente quando mi sdraio resto un po' a pensare, fantastico ecc. Ora spengo la luce e sbam. Suona la sveglia ed è il mattino dopo. Manco mi colpissero con una mazzuolata in fronte.
Sì, ho bisogno di dormire.

- Infine: vi ricordo la pagina http://www.corriere.it/cultura/youcrime/2013/aislinn.shtml Cliccate sul link, poi sulla freccina verde in alto a sinistra e condividete, please ^^ E grazie!

* Lo so. Non è una parola. Chissenefrega.

On air:
30 Seconds To Mars, Conquistador e Up in the air
Alanis Morissette, Right through you

#quote

4 commenti:

  1. Cincilleggiare ora è una parola U_U
    Resisti, buon editing, prima o poi ci sarà anche tempo di dormire ;)

    RispondiElimina
  2. Ci voleva un po' di buon umore. Ora però muoio di curiosità... in bocca al lupo CincillAislinn! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gian, hai creato un nuovo nickname XD
      Non dovrai essere curioso per molto... ^^

      Elimina