giovedì 18 luglio 2013

Cover a confronto: Wicked game - Him & Adam Gontier

Come vi avevo preannunciato la scorsa settimana, ancora una volta vi segnalo una canzone di uno dei musicisti che amo di più, Adam Gontier, ex Three Days Grace e ora all'inizio di una carriera solista. Per ora, su Youtube è possibile trovare diversi suoi brani e cover, per lo più in chiave acustica. Più o meno mi piacciono tutte, ma attendo di vedere che combinerà alla prova del primo vero disco e quanto le sue canzoni si distaccheranno (o no) dagli album con i TDG.

Perché proprio questa cover, proprio ora? Be', per più di un motivo: perché è una canzone che mi ossess... mi gira in testa parecchio, in questi mesi; perché è una canzone splendida punto e basta; perché le parole sono straordinariamente adatte a una parte di M., il mio romanzo work in progress*, e se solo le riascolto mi strappano l'anima e spargono i brandelli al vento.
L'originale è di Chris Isaak, 1989:


Abbiamo prima una cover degli Him, una band che finora non ho mai ascoltato molto, ma alla quale progetto di dare una chance, anche se lo stile non mi fa impazzire. Però lui, Ville Valo, fa parte di... come chiamarlo, un progetto a lungo termine su cui non dirò nulla di nulla per carità, quindi lo devo tenere d'occhio ^^


Ecco invece la versione di Adam Gontier:


In questo caso, per quanto mi riguarda non ci sono dubbi: preferisco di gran lunga quest'ultima, struggente, malinconica, da lacrime agli occhi. E voi?
Alla prossima!

* Da un annetto, lo so. Non crocifiggetemi, ho fatto un bordello d'altra roba, nel frattempo, tra racconti, editing, revisioni, riscritture, e tutto quello che non riguarda l'attività da scribacchina. Abbiate fede. Quest'estate M. s'ha da finire, punto.

4 commenti:

  1. Ehm... anche quella degli H.I.M. è una cover ;) Wicked Game è un brano famosissimo di Chris Isaak del 1989; all'epoca fece molto scalpore anche il videoclip con Helena Christensen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuh! Grazie della segnalazione! Ma sai che avevo sempre trovato solo le altre due? Corretto. Grazie ancora!

      Elimina
    2. Di cover ce ne sono tantissime se spulci, però, con tutto il rispetto, quello che piace a te in pratica ha solo eseguito in acustico l'originale, non è neppure una cover a ben vedere ;) Di cover vera e propria si parla con la rivisitazione in chiave gothic metal degli H.I.M, ritenuta all'unanimità una fra le più riuscite e originali nelle storia del rock. Metti però il link al video ufficiale (www.youtube.com/watch?v=4WA2jBMk-Pk) o alla prima versione; quello che hai inserito tu è censurato e può vederlo solo chi si registra a YouTube con la data di nascita giusta :)

      Elimina
    3. Sì, di cover ce ne sono tante, ma quando si tratta di canzoni molto famose non posso segnalarle tutte; mi è capitato di parlare di canzoni dei Black Sabbath che richiederebbero un blog intero solo per inserire tutte le versioni!
      Per il resto, in genere come te apprezzo le cover che trasformano i brani in qualcosa di nuovo (tipo questa http://aislinndreams.blogspot.com/2013/06/cover-confronto-sound-of-silence-simon.html). In questo caso però ho scelto di promuovere la versione di Adam Gontier perché trovo che la sua interpretazione si adatti al testo e risulti particolarmente efficace. Non vado pazza né per l'originale né per la cover degli Him, a costo di sembrare eretica :-P

      Elimina