mercoledì 17 luglio 2013

Youcrime - contest per racconti in ebook Rizzoli Lab/Corriere della Sera

Rullino i tamburi, squillino le trombe... tadaaa!


Finalmente posso cominciare a svelarvi un po' di succulente novità! Ce ne saranno diverse nei prossimi mesi, ma non abbiate fretta e cominciamo dalla prima, il progetto Youcrime.
Parte oggi, infatti, l'iniziativa promossa da Rizzoli Lab e Corriere della Sera. Quattro ebook a 1,99 euro, quattro piccole antologie di racconti che esplorano le atmosfere del giallo, del thriller, del noir: in ognuna trovate quattro storie, firmate da un maestro italiano del genere (Sandrone Dazieri, Simone Sarasso che è anche mio concittadino novarese, Enrico Pandiani e Paolo Roversi) e da tre esordienti. E perché ve ne parlo?...

... Perché nel volume uno trovate anche una storia mia. Per la precisione, l'ebook contiene Dogs, di Sandrone Dazieri, che non ha bisogno di presentazioni, ‘O primario, di Igor De Amicis, Il ragazzo delle case blu, di Filippo Digirolamo, e il mio racconto, Until It Sleeps.

Non è un mistero che, di solito, io scriva tutt'altro: non avevo mai tentato gialli o noir. Ma come non cogliere questa occasione? Sono stata coinvolta nel progetto poco più di un mese fa - più o meno con la frase ehi, potresti scrivere un giallo/noir/thriller di trentamila battute entro due settimane? Per un ebook Rizzoli -, e non nego che il mio  ha preceduto un'esplosione di pensieri che variavano da curiosità a entusiasmo a panico neanche troppo nascosto. Per la serie: ma che figata, be', però è una bella sfida, anche perché, in così poco tempo... ODDEA checcacchio scrivo? Avevo giusto bisogno di una scusa per stressare gli amici... :-P
In genere, però, l'adrenalina delle scadenze stimola i miei torpidi neuroni. E così, neanche in tempo a preoccuparmi sul serio, che un'ideuzza è arrivata, complici argomenti che, negli ultimi tempi (leggete: anni), mi perseguit... ehm, mi passano spesso per la testa. Poi ho passato due giorni a rivoltarla, soppesarla, modificarla, sbattere la testa contro il muro, finché quello che è emerso è stato parecchio differente da ciò che avevo immaginato all'inizio. E, of course, va bene giallo, noir, thriller, quello che volete... ma sempre a modo mio ;-) Volevo, insomma, tentare un esperimento e muovermi su un terreno per me insolito, ma, allo stesso tempo, dare alla storia una mia impronta. E non dico altro: ma, se leggerete il racconto, naturalmente mi farà piacere conoscere la vostra opinione, come sempre.

Un'altra curiosità. Sul titolo: Until it sleeps. Avevate dei dubbi sul fatto che avrei usato quello di una canzone? XD Per la precisione, dei Metallica, com'è specificato all'interno del racconto stesso. Il brano è una delle mie vecchie ossessioni e il gentilissimo iPod me l'ha ripescato proprio mentre stavo rimuginando sulla storia, in fase di stesura. E bum, ecco l'atmosfera giusta, ecco la musica e le parole evocative come piacciono a me. Il legame tra canzone e storia è sottile; potete prenderla semplicemente come un'ideale colonna sonora, oppure, se siete curiosi, leggervi il testo... ma non vi svelo di più. Se volete, seguite il link per ascoltarla e vedere lo splendido videoclip.

Non mi resta che lasciarvi con le info di servizio. A questo link potete acquistare su Amazon il volume primo; qui su Bookrepublic invece potete trovare gli ebook in formato ePub. Ma Youcrime non è solo una mini-collana di antologie, è anche un contest: acquistando gli ebook e condividendo la pagina degli autori, potete aiutare i dodici scrittori esordienti coinvolti a raccogliere punti e ottenere il premio finale, la pubblicazione di un romanzo nella collana ebook Rizzoli First, nel 2014.
Questa è la pagina ufficiale del contest, dove trovate tutte le istruzioni e i link di ciascun autore, presenti anche negli ebook, in coda a ogni racconto. Questa invece è la mia pagina personale: amici, cittadini, condividete la pagina su Facebook, Twitter, Google +, e, soprattutto, leggete e gustatevi le storie delle quattro antologie.

4 commenti:

  1. Che bella notizia! Il titolo, in effetti, non mi è nuovo, un buon suggerimento da parte dell'ammennicolo digitale! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i pezzi di destino che s'incastrano XD Per come va la storia, il testo di quella canzone dice esattamente quello che io stessa ho scoperto stare al cuore del racconto, durante la stesura ^___^

      Elimina
  2. @Fillo985

    ho condiviso il link del tuo blog su twitter.

    RispondiElimina