lunedì 11 novembre 2013

Amanda Palmer - live Milano 09 novembre 2013



Che show.
Due semplici parole, le uniche che si possono ripetere dopo una serata a farsi investire dall'energia e dal carisma di Amanda Palmer, wonderful woman dalla forza e dallo stile ineguagliabili, capace di commuovere quanto di aggredire. Una tigre che affascina e non ha paura di nulla, una fantastica donna che si butta sul pubblico e passa quasi più tempo trasportata dalle mani della gente che sul palco. La musica di Amanda Palmer non rientra tra i generi che ascolto di più, anche se adoro alcune delle sue canzoni - tutte sentite dal vivo sabato sera; un suo concerto, tuttavia, è un piccolo evento e per la carica e la bravura tanto suo quanto degli altri membri della Grand Theft Orchestra, consiglio di non perdervelo, la prossima volta che ci sarà l'occasione.

In posa per i fotografi ^^
Per quanto mi riguarda, la serata è stata una missione tra amiche, prima tra tutte la Socia Ale che vedete in foto con me più sotto (ma grazie anche per la splendida compagnia a Giulia e Saralisa :-*). Una volta trovato il locale (dopo treno, metro e bus, ancora un tratto a piedi) e conquistato un posto abbastanza vicino al palco, è showtime. Si parte con Do it with a rockstar, prima del "pezzo forte", la mia personale favorita, la splendida The killing type (il cui videoclip, se non siete tipi impressionabili, già vi dice tutto su che tipo tosto sia Amanda). Tocca poi alla cover di Smells like teen spirit dei Nirvana, che trascina l'intera sala a saltare volenti o nolenti, con Amanda che si butta sulla folla, e lo farà spesso nel corso della serata, animale da palcoscenico più di tanti altri supposti "rocker". Tra pezzi propri (I want it back) e cover (Walk on the wild side, la chiusura con Hallelujah), tra "pose" a beneficio dei fotografi ("rock'n'roll pretend") e discorsi sul diritto all'espressione artistica, in particolare delle donne accusate magari di cedere a chi le costringe a spogliarsi (celebre la sua risposta al Daily Mail che aveva montato un piccolo scandalo per un suo nudo involontario, inconsapevole di tutte le volte in cui Amanda si è mostrata nuda senza problemi in diversi video), le due ore di concerto corrono veloci e lasciano tutti soddisfatti. Amanda modula dolci melodie e urla con tutta la sua incontenibile energia, parla con il pubblico e si scatena, e meno male che ci sono donne come lei, intelligenti, forti, sicure di sé, piene di talento e senza paura di dimostrarlo al mondo.



Tutte le foto potete vederle qui.
Setlist.

Io con Socia Ale. Quando non si scrive... ROCK! \m/

2 commenti:

  1. Ha fatto Map of Tasmania? Adoro quella canzone! XD
    Invidia, dev'essere stata una gran serata! Ma prima o poi... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'ha fatta: http://www.setlist.fm/setlist/amanda-palmer-and-the-grand-theft-orchestra/2013/the-factory-milan-italy-13c49951.html Prossima volta ^^

      Elimina