giovedì 14 novembre 2013

Angelize - soundtrack: The story (30 Seconds To Mars)

Dunque, oggi avrebbe dovuto esserci un post dedicato alla presentazione di ieri, al giveaway (alla ricetta dei biscotti... ;-) ), ma il vincitore sarà annunciato da Regin solo oggi pomeriggio, così anticipo questo pezzo sulla colonna sonora di Angelize e vi rimando a domani per il resto (come to the dark side, we have cookies... *muahuahuah*). Però almeno devo dire: grazie, grazie, GRAZIE a tutte le persone che ieri mi hanno sommerso di domande. Ho passato un'ora e mezza a scrivere a velocità luce per rispondere a tutti e mi sono divertita un sacco. Grazie per l'entusiasmo, l'affetto, la partecipazione. Spero davvero che Angelize possa piacervi, perché vorrei potervi regalare almeno un briciolo della passione che provo io per quello che scrivo e ripagarvi del tempo e del sostegno che mi date. Grazie!

E passiamo alla musica. Come vi ho già detto altre volte, ogni mio libro ha una sua colonna sonora, che compongo in base alle atmosfere delle canzoni, così come in base ai testi che si adattano di più. Siccome ogni romanzo ha un suo tono, una sua atmosfera (più o meno dark, più o meno drammatica e così via), alcune delle mie colonne sonore sono oscure e metal (vedi M. il romanzo la cui prima stesura ho terminato in agosto), altre sono più rock, alternative, dinamiche. Come è il caso di Angelize, soprattutto nella sua prima parte, nella quale, per quanto riguarda la musica che ho scelto, si mescolano generi diversi (ecco qui tutti i pezzi). La settimana scorsa vi ho presentato la canzone che funge da prologo, quella che userei nei "titoli di testa", e che era anche l'ideale soundtrack del racconto In time of need, dove per la prima volta compariva lo spunto che è alla base di Angelize: il brano era Angels dei Within Temptation.

Oggi vi porto invece al primo capitolo, dove si incontra uno dei protagonisti, Hesediel. Naturalmente non inserisco qui spoiler sulla storia, tranquilli; ma dato che si tratta delle primissime pagine e del background di un personaggio, che vi viene mostrato abbastanza presto, non vi svelo nulla di compromettente ai fini della lettura. Come vi scrivevo l'altro giorno, all'inizio del libro Hesediel si è riappropriato del proprio corpo e di una possibilità di vivere, come gli altri uomini che erano stati uccisi da un angelo e costretti a prenderne il nome e il posto; solo che non sa molto bene che cosa farci, di questa seconda possibilità. Tornare da Elena, la ragazza con cui conviveva? Per spaventarla e raccontarle una storia incredibile? Ricostruire una vita che, comunque, nel profondo non lo soddisfaceva? Oppure bruciare i ponti e ripartire da zero, altrove? Da solo? Ha passato mesi a rimpiangere e a macerare nella rabbia per essere stato ucciso, e di colpo si trova a poter tornare indietro, come fino al giorno prima sarebbe parso impossibile; ma come può Hesediel tornare a essere solo "Christian"? Vedrete cosa farà, quali saranno le sue scelte e i suoi dubbi. Intanto, eccovi la colonna sonora di questo primo capitolo: The story dei 30 Seconds To Mars. Sia per lyrics che per atmosfera la trovo perfetta. Buon ascolto!



I've been thinking of everything I used to want to be
I've been thinking of everything, of me, of you and me

This is the story of my life
(These are the lies I have created)
This is the story of my life
(These are the lies I have created)

I'm in the middle of nothing and it's where I want to be
I'm at the bottom of everything and I finally start to leave

This is the story of my life
(These are the lies I have created)
This is the story of my life
(These are the lies I have created)
(I've created...)

And I swear to god I'll find myself in the end
And I swear to god I'll find myself in the end
And I swear to god I'll find myself in the end
In the end
And I swear to god I'll find myself in the end
In the end

This is the story of my life
These are the lies I have created
This is the story of my life
Thse are the lies I have created
(I've created)
This is the story of my life
These are the lies I have created....

Nessun commento:

Posta un commento