giovedì 7 novembre 2013

The day after

I will never forget the moment, the moment.
I will never forget this night
We sing, we sing...
On... on... on...
That's how the story goes
Fate is coming, that I know
Time is running, got to go
Faith is coming, that I know
Let it go
Here right now
Under the banner of heaven, we dream out loud
Do or die, and the story goes
On... on... on...
And the story goes on... on...
This is the story


Questa è una storia di sobrietà e pacatezza.

Ieri sono uscita di casa solo per una rapida puntata al centro commerciale. Banalissima missione-spesa al supermercato, niente di più, e quattro chiacchiere con un'amica.
Al centro commerciale di Novara c'è una libreria Mondadori.
No, non ci sarà mai. Siamo al 6 novembre oggi, non avranno nemmeno ancora sballato i pacchi. E poi magari neanche l'hanno ordinato.
Ma una sbirciatina dentro la diamo, no?
Entro pronta a dirigermi verso gli scaffali fantasy (*speriamosperiamosperiamo*) o, in alternativa, quelli ragazzi/paranormal romance (*nodaiamicolibraiononpuoinonavercapitountubocosì*).
E invece mi blocco a pochi passi dall'ingresso.
Perché Angelize c'è eccome. Tra le novità. In una pila.

Eccallà XD
E ve lo confesso. Giuro, giuro che volevo manifestare aplomb, self control, calma glaciale, cordiale indifferenza, garbata curiosità. Qualcosa del genere.
Invece mi son messa a ridere.
Ho ghignato con un "ohccavoli"* così forte che penso mi abbia sentito tutto il negozio. Ovviamente l'amica con me ha preso una copia per sé e un paio per fare regali**** e ovviamente ha prontamente informato il commesso che l'autrice ero io. Così oltre a ghignare come una deficiente sono pure arrossita come una deficiente imbarazzata. Ma tant'è.

Luca Tarenzi dice "Se pensate che gli angeli siano cattivi…
IO LO SONO DI PIU'. LEGGETE ANGELIZE, SE CI TENETE ALLE PENNE!"


Alla Mondadori di via Marghera, Milano
Come potete vedere seguendo questo link, sto raccogliendo foto dalle librerie e dai vostri scaffali di casa. Se volete contribuire, inviatemi le immagini (su Facebook oppure su aislinnblog immancabilechiocciola yahoo.it) e le aggiungerò all'album. Qui ne metto qualcuna arrivata ieri; e ricordo anche il giveaway! Ecco invece cosa dice Valentina Coscia (se non avete letto il suo Ultimo orizzonte fatelo, you fool!) sul suo blog.
Domani, appuntamento con un po' di musica ;-) Mentre, se cliccate qui, potete leggere un'altra intervista (grazie a La Biblioteca Infinita!). Ve ne riporto un estratto:

Angelize rende persone serie ed equilibrate.
Vero, Andy (Oniromantic) e Andrea?
Dove è ambientato il tuo romanzo? Perché questa scelta?
La storia si svolge a Milano (solo nella seconda parte ci sarà una breve «puntatina» a Roma). Perché? Perché volevo una grande città di cui conoscessi l'atmosfera, e siccome abito a Novara e frequento regolarmente Milano... be', la scelta è stata ovvia. Anche perché mi serviva un cimitero antico, e Milano ha lo splendido Monumentale.
Ho un rapporto di «amore e odio» nei confronti di questa città, un po' come Rafael e Hesediel. Ho cercato di trasmettere le mie sensazioni in questo senso, anche se, vi avviso, la città è volutamente modificata a seconda delle esigenze mie e della storia. Insomma, ci trovate il Duomo e il suddetto Cimitero Monumentale, ma l'altra chiesa citata non esiste, o meglio, è la fusione di più di una chiesa e non tutte milanesi (l'originale dell'affresco con San Michele che uccide il Drago viene dai miei ricordi d'infanzia e si trova nella chiesa di Ronco Biellese, pensate un po'). Ho citato locali che esistono, variando i dettagli secondo il mio gusto, e ne ho inventati altri che non sono reali; ho menzionato quartieri e parchi, ma non andate a contare i passi che servono per arrivare dal punto x al punto y per vedere se sono stata fedele alla realtà, perché il mio scopo non era scrivere una guida turistica.
Secondo te cosa occorre per farsi notare da una casa editrice e per farsi pubblicare la propria opera? Ti senti di dare qualche consiglio?
La domanda a cui tutti cercano risposta! Posso solo dirvi che per arrivare a un editore importante occorrono talento, una buona storia, tenacia e fortuna. Se possedete la tenacia per insistere, per migliorare il vostro stile, per continuare a scrivere finché riuscirete a dar vita a un bel romanzo... vi occorrerà ancora tantissima tenacia per proporlo, sopportare i rifiuti, proporlo ancora, scriverne un altro e proporre anche quello. E se non mollerete, allora arriverà il momento in cui la fortuna metterà la vostra storia nelle mani giuste, quelle di chi crederà in voi e vorrà pubblicarla. No, non ci sono formule magiche. Gardner diceva: "the true novelist is the one who doesn't quit". Il vero romanziere è quello che non molla.

On air: 30 Seconds To Mars, Do or die

* Versione censurata per non disturbare il Moige.***
** La versione originale era "ohccazzo".***
*** Ops.
**** Ottima strategia. Seguite l'esempio che si avvicina Natale muahuahuah!

2 commenti:

  1. Self control con una pila dei tuoi libri in una libreria a meno di cento metri da te? nessuno ci sarebbe riuscito *-* avrei voluto essere in quel negozio per vedere la scena XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della comprensione! ^___^ Credo che l'emozione sia la stessa ogni "prima volta"... Dubito che a certe soddisfazioni ci si abitui!

      Elimina