mercoledì 18 giugno 2014

Joe Hill - La scatola a forma di cuore

Judas Coyne (prendetevi un secondo per ammirare la genialità di questo pseudonimo) è un metallaro di 54 anni che ha fatto fortuna con la sua musica e vive con una fidanzata dal look dark, di trent'anni più giovane di lui. Jude colleziona oggetti strani - libri di stregoneria, reperti dell'occulto e così via; quello che non si aspetta è che, acquistando su un sito di aste il fantasma di un uomo recentemente defunto, si troverà ad affrontare la persecuzione di uno spettro deciso a uccidere lui e chiunque vorrà aiutarlo. Il motivo? Vendetta, poiché il fantasma è in realtà legato al passato di Jude. E i segreti da svelare saranno molti, alla disperata ricerca di un modo per salvarsi.

Libro ormai di qualche anno fa, che mi è stato caldamente consigliato e che si è rivelato una lettura piacevolissima. Se amate l'horror e le atmosfere Kinghiane, potreste tranquillamente apprezzare anche voi La scatola a forma di cuore (sì, Heart-shaped box). E il paragone con Stephen King è tanto scontato quanto inevitabile, poiché Joe Hill non è altro che uno dei figli del Re (guardate la foto: sembra la versione ben riuscita del padre :-P). Ma, una volta citato per dovere di cronaca, preferisco passare oltre, perché il romanzo non merita di essere guardato con sufficienza solo per gli illustri natali del suo autore.
Certo, non mancano momenti splatterosi con abbondanza di sangue e mutilazioni, né visioni allucinate ricche di dettagli disturbanti (degni di King, ok, l'ho detto), ma non ci sono le lungaggini e la coralità dei tanti personaggi che affollano spesso i romanzi di King (con tutto che, se si parla di It o dell'Ombra dello scorpione, io apprezzo ogni singola lungaggine e ogni figura) e il ritmo regge dall'inizio alla fine. Ma la forza del libro sta nei personaggi, soprattutto i due protagonisti, Jude e la fidanzata Georgia/Marybeth, entrambi vividi e ben caratterizzati. Non capita spesso di incontrare metallari e goth tra i protagonisti di una storia, o di vederli resi al di là dei facili (e fastidiosi) stereotipi, e anche se non sempre nel romanzo si sfugge ai cliché, Jude e Georgia restano personaggi per i quali si riesce a empatizzare, non privi di difetti - soprattutto per come vengono presentati all'inizio - ma presto messi a nudo in tutta la loro umanità e nei loro incubi.
Non dico nulla, ovviamente, dell'intrigo alla base della persecuzione del fantasma, ma la rappresentazione degli spettri con gli occhi cancellati e la gelida malvagità di Craddock, lo spettro, strappano più di un brivido. E, una volta iniziato il viaggio insieme a Jude e Georgia, si corre volentieri per restare al passo e per vedere come andrà a finire.
Unica nota dolente: traduzione che lascia a desiderare, tra punteggiatura che ricalca l'inglese e suona a mio parere stonata nella prosa italiana, ripetizioni e tutta una serie di imperfezioni.

On air:
Nirvana, Heart-shaped box, ovviamente!

10 commenti:

  1. Sarà perché l'ho letto "a puntate" e con discontinuità ma l'ho trovato noiosissimo e non è riuscito a prendermi come aveva invece fatto la raccolta Ghosts e come sta facendo quell'incredibile meraviglia di Locke & Key, forse uno dei fumetti più belli che abbia mai letto.
    Magari prossimamente, prima di cominciare La vendetta del diavolo, gli ridò una letta come merita! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece a me è piaciuto, ed essendo il primo che leggo di Hill mi ha fatto anche venire voglia di proseguire con gli altri ^^
      Giusto perché non avevo già una lista d'attesa infinita...

      Elimina
  2. Più che un cuore, l'immagine di copertina mi ricorda un plettro!
    Io su Joe Hill non ho preconcetti, essendo fra i pochi che non hanno letto nulla di King. Lo conosco già grazie all'eccelso lavoro svolto per la sceneggiatura di Locke & Key - di cui qualcuno qui dovrebbe darsi da fare e pubblicare anche i volumi successivi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono decisa a leggere altro di Hill, e tu, mi raccomando, almeno It e L'ombra dello scorpione di King!... ^^

      Elimina
  3. Ciao, noto con piacere che abbiamo ai primi posti della classifica di King gli stessi due libri: It e L'ombra dello Scorpione. E volendo puoi anche avere la prova che non baro, perché li ho già citati come preferiti in un commento che ho lasciato poco tempo fa a un post dedicato a Shining sul blog Pausa libro ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei due non sono semplici romanzi, sono capolavori!

      Elimina
  4. Ciao! ^-^

    Eto... mi presento. Sono Hikari Megami, ho 18 anni e scrivo da Napoli. Ehm...ti ho trovata scrivendo su google "libri su angeli".. e buh.. mi sono molto innamorata del tuo blog... è così ben fatto. E poi sei molto incoraggiante, ecco. I tuoi consigli, i tuoi articoli... tutto è così utile! Ti adoro già ;v;

    Umh, sono molto incuriosita dal tuo libro... credo che sarà uno dei primi che leggerò quando avrò finito gli esami ^-^ Posso chiederti che Università frequenti/hai frequentato?

    A presto, Hikari ^-^ ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono felicissima che tu sia arrivata fin qui e abbia deciso di scrivermi e ti ringrazio per i complimenti, arrossisco ^///^ Qui scrivo un po' di tutto, compresi sfoghi e deliri :-P
      Spero che Angelize possa piacerti, aspetterò il tuo parere, allora ^___^
      Ho frequentato Lettere Moderne.
      A presto! :-*

      Elimina
    2. Aw... ecco *^* Umh, io voglio fare lingue orientali... però sin da piccola ho sempre amato scrivere e leggere e un giorno mi piacerebbe diventare una scrittrice ^-^ Non leggo molto però, quindi non ho un genere preferito... anche se il fantasy mi ispira molto.

      Se ne hai voglia - e se lo hai già fatto, ti chiedo scusa >_< - ti farebbe piacere fare un post sui libri più belli sugli angeli? Voglio prima leggere il tuo, poi però mi piacerebbe leggerne tanti altri visto che gli angeli sono una delle mie cose preferite ;v;

      Grazie mille!

      Un bacio, Hikari ♥

      Elimina
    3. Si può essere scrittori indipendentemente dagli studi svolti, però di sicuro è necessario leggere ;-) Quindi studia quello che più ti piace, ma coltiva anche la lettura. Leggere tanto e scrivere tanto sono due passi essenziali, secondo me, serve pratica e serve confrontarsi con altri autori e altri libri - di tutti i generi, non solo di quello che ti interessa scrivere.
      Per quanto riguarda il post, ci posso provare! Mi faccio anche consigliare qualcosa magari e poi lo preparo ^^
      Un abbraccione a te!

      Elimina