martedì 1 luglio 2014

Angelography

Buongiorno! Di solito, primo e secondo giorno del mese sono dedicati ai post sulle chiavi di ricerca e sulla To Write List, ma questa volta slitteranno a domani e dopodomani perché ho un post arretrato che non voglio rimandare oltre. Nasce da una richiesta di una carinissima lettrice (grazie!!!) giunta qui grazie al mio Angelize, che mi ha domandato di consigliarle qualche bel libro sugli angeli.

Avevo già fatto qualcosa del genere per i miei amati vampiri PT (pre-Twilight. Ebbene sì, ho una predilezione per i succhiasangue da quando avevo tredici anni, soprattutto per tradizioni e folklore in merito. Meno per i vampiri del cinema e meno ancora per i romanzi - per la serie "siccome non ne trovo come dico io me li scrivo da sola"... ma questa è letteralmente "un'altra storia"). Il post sulla bibliografia vampirica era questo. Non il frutto di una ricerca ad hoc: semplicemente, ho guardato quello che avevo raccolto sui miei scaffali nel corso degli anni e ho selezionato i titoli più interessanti.
Per quanto riguarda gli angeli, invece, sono un po' più in difficoltà. Non ho per loro la stessa passione e quindi non ho gli stessi scaffali zeppi a casa; soprattutto, non ho trovato poi così tanti libri che mi abbiano convinto, tra quelli che ho letto sul tema. In compenso ho la mia breve wishlist di libri da leggere, pertanto vi segnalerò anche quelli.
Altro problema: in italiano sul tema c'è proprio pochino. Almeno se eliminiamo dall'elenco il paranormal romance, che mi fa quando va bene sbadigliare, e ci concentriamo sull'urban fantasy. Ma tant'è...

Ordunque, il primo romanzo che mi viene in mente è un must, punto e basta, a prescindere dal fatto che vi interessino specificamente gli angeli o meno: sto parlando di Buona Apocalisse a tutti! di quei due geniacci di Neil Gaiman e Terry Pratchett. Un dream team che ha prodotto un romanzo degno della loro fama, mettendo insieme i pregi dei due scrittori e tenendone a freno i difetti. Mondadori ha fatto pure il piacere di ristamparlo dopo che per alcuni anni era finito fuori catalogo, quindi che volete di più? Good omens (il titolo originale, che vivagliddèi non è così cretino come quello italiano) parla di un angelo e un demone che vivono sulla Terra e sono amici. Qui si trovano bene e, quando si accorgono che l'Apocalisse sta finalmente per arrivare, non ne sono affatto contenti: si alleeranno quindi per tentare di fermarla... Una delle due opere che mi hanno ispirato le atmosfere di Angelize (l'altra è Dogma, il film di Kevin Smith).


Al secondo posto ci metto, com'è ovvio, il romanzo a tema angeli del migliore autore urban fantasy che abbiamo in Italia, gomito a gomito con Francesco Dimitri, ovvero Quando il diavolo ti accarezza di Luca Tarenzi (Salani 2011). Il quale è anche il mio spacciatore di consigli librari preferito, e infatti gli devo metà dei libri che citerò qui: se cercate un esperto di libri sugli angeli è lui, e infatti è stato colui che più mi ha rassicurato quando gli ho fatto leggere Angelize, piena di dubbi sul risultato. In Quando il diavolo ti accarezza abbiamo una studentessa di veterinaria che un giorno, invece che un gattino abbandonato o un uccellino caduto dal nido, un giorno si porta a casa un demone reduce da un combattimento con un angelo. Perché Arioch sia stato evocato e che cosa ci fanno un sacco di pennuti in fermento a Milano sarà tutto da scoprire... Il romanzo è la dimostrazione che si possono anche inserire storie d'amore tra umane e creature fantastiche che non risultino un ammasso di prevedibile saccarosio tra personaggi imbecilli. E poi c'è un djinn che fa il kebabbaro. E c'è Azazel che è semplicemente mitico. E un sacco di altra roba interessante. E se leggete questo, poi non perdetevi Godbreaker che è meglio ancora.

E giusto perché così poi la gente può dire che faccio pubblicità agli amici, vi segnalo anche un romanzo del tutto diverso, Di me diranno che ho ucciso un angelo di Gisella Laterza. Anche lei l'ho conosciuta dopo aver letto il suo romanzo, uscito l'anno scorso per Rizzoli. Lo avevo recensito qui, perciò non mi dilungo; dirò solo che qui non si tratta di urban fantasy, ma di un racconto dalle atmosfere rarefatte che mi hanno ricordato, per esempio, quelle del Piccolo principe. Un angelo caduto sulla Terra e una demone che si cercano, una ragazza che ascolta il racconto dell'angelo, una sfilata di personaggi e storie: se cercate qualcosa di insolito e delicato, questo fa per voi.

Consiglio anche, poi, Uno stupido angelo di Christopher Moore, romanzo breve, per la media dell'autore, e quindi agile introduzione al mondo di Pine Cove. Un racconto di Natale molto particolare, dove un angelo decisamente clueless esaudisce il desiderio di un bambino in maniera del tutto imprevedibile... Non il migliore romanzo di Moore (del quale consiglio senza dubbio Il ritorno del dio Coyote e Un lavoro sporco), ma una lettura veloce e divertente. L'angelo Raziel compare anche marginalmente nel suo Il Vangelo secondo Biff, per alcuni il capolavoro dell'autore; per quanto mi riguarda, l'ho trovato decisamente troppo lungo e meno riuscito di quel che mi aspettavo. Se non avete mai letto nulla di questo autore, suggerisco i due titoli elencati più in alto.

Ultimi titoli italiani che cito sono Sandman Slim. La stanza delle tredici porte di Richard Kadrey, che inaugura anche la parte di post sui libri che ho io stessa in lista di attesa, come lettura: storia di killer, vendette, evasioni dall'inferno, tra thriller e ironia; e, infine, Più nero della notte di Ian Tregillis, di cui attendo l'uscita ma che, al momento, pare rimandato: atmosfere noir, angeli in corpi umani, gangster e, come si dice, apparenze che ingannano...

Segnalo infine un trio di romanzi mai arrivati nel nostro Paese, che potrebbero interessarvi se leggete in inglese (ormai requisito indispensabile per poter avere accesso a un sacco di libri che altrimenti ci si perderebbe). Come detto sopra e come anche il libro di Kadrey, sono consigli di Luca Tarenzi, ergo ci si può fidare. Riposano tranquilli nella mia wishlist: prima o poi scoprirò il segreto per non dormire e riuscirò a smaltirla...
Si tratta di The dirty streets of heaven di Tad Williams, quello che mi incuriosisce di più: storia di Bobby Dollar, angelo e avvocato di anime. Solo che a un certo punto le anime iniziano a scomparire...
Cito poi A kiss before the Apocalypse di Thomas E. Sniegosky, ancora un angelo, Remy Chandler-ovvero-Remiel, alle prese con una scomparsa: questa volta, a sparire è l'Angelo della Morte, sintomo di un problema molto più grosso.
Infine, chiudo con To reign in hell di Steven Brust, che riracconta la ribellione delle schiere angeliche.

2 commenti:

  1. Inizio con Angelize e, se mi piace il genere, passo a Quando il diavolo ti accarezza. Il djinn che fa il kebabbaro... figata! :D P.S. Mi è venuto in mente, anche se non riguarda direttamente gli angeli, un romanzo letto anni fa, che si chiama "Visto dal cielo": anch'esso, a suo modo, può essere considerato un Urban Fantasy con toni gialli e spunti politicizzanti. Non so se lo conosci, ma a me piacque molto, al punto da rileggerlo tre volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conosco, grazie per la dritta!

      Elimina