lunedì 13 ottobre 2014

Relativity - Cristin Bishara

Buongiorno!
Come anticipato nel post sulle letture del periodo, oggi vi segnalo un romanzo che ho finito proprio ieri, Relativity di Cristin Bishara, autrice statunitense simpatica e cordiale con la quale mi è capitato di scambiare qualche tweet e che gestisce un grazioso blog. Sono affezionata a questo romanzo perché mi è capitato per le mani in inglese un anno fa e già allora lo avevo trovato simpatico e piacevole.
Ora che è uscito per Fabbri, non posso dunque non raccomandarvelo.

Ruby è un'adolescente costretta a trasferirsi dalla California a uno sperduto paesino dell'Ohio insieme al padre vedovo, che si è risposato con una pittrice. Si ritrova così lontano dal suo migliore amico, George, di cui è innamorata, e costretta a convivere con una sorellastra che la detesta.
Tutto cambia quando, all'interno di un albero vicino a casa, Ruby scopre un macchinario che permette di viaggiare in universi paralleli. La ragazzina scopre così come le cose avrebbero potuto svolgersi se solo il destino avesse deviato di poco dal percorso che lei conosce: se suo padre avesse avuto un lavoro che lo impegna di meno, se il bambino che avrebbe dovuto essere suo fratello maggiore Patrick, mai nato nel suo universo, fosse invece venuto alla luce... se sua madre fosse sopravvissuta all'incidente d'auto che l'ha uccisa quando Ruby aveva quattro anni.
Esisterà un mondo perfetto, in cui i suoi genitori sono rimasti insieme e Ruby può vivere con tutte le persone che ama?

Relativity è uno young adult insolito e intelligente che, anziché concentrarsi sul figo della scuola, la bella ragazza di turni, i combattimenti soprannaturali o le distopie varie, racconta la storia di una ragazzina sveglia e determinata, con i capelli corti e un'equazione tatuata sulla nuca. Ruby riesce immediatamente simpatica e, nonostante una passione per la scienza che farebbe invidia a Sheldon Cooper, non è una semplice "nerd sfigata": ha grinta, personalità e ironia ed è dotata di curiosità e coraggio. Allo stesso tempo, però, è anche un'adolescente credibile nella sua fragilità, tra le farfalle nello stomaco del primo amore e la nostalgia per una mamma mai avuta, sentimenti descritti con sensibilità ma senza sdolcinatezze o forzature.
Di universo in universo, Ruby si destreggia per fingere di conoscere le realtà in cui si trova e le piccole e grandi differenze rispetto alla sua - da parenti e amici che non ha mai visto, ai nomi di bibite inesistenti nel suo mondo, fino ai diversi gusti nel vestire delle Ruby alternative - ed esplora con curiosità i luoghi in cui capita; man mano, la storia prende una piega più drammatica e profonda. Forse qualche soluzione è un po' semplicistica, e a volte i discorsi tecnico-scientifici prendono un po' la mano, ma il tutto resta godibile e il romanzo, autoconclusivo, si legge con piacere. Impossibile non tifare per Ruby e non seguirla alla ricerca del mondo perfetto.

2 commenti:

  1. Awaw... ciao sorellona! ^-^ ♥

    Sembra molto interessante questo libro, da come lo hai recensito. Dovrò leggerlo sicuramente, ma dopo aver finito il tuo u.u

    Ho letto già alcuni capitoli e mi sta piacendo tantissimo ;v; P-p-però farò un post al riguardo nel mio blog quando l'avrò finito ^-^

    Ti voglio tanto bene sorellona, sei la migliore ♥
    Baci, Hicchan ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu mi fai sempre sorridere - e arrossire tantissimo ^///^ Ti ringrazio tanto! Abbraccione carissima :-* :-* :-*

      Elimina