venerdì 3 ottobre 2014

To Write List di ottobre

Prima di tutto: ho rispettato la To Write List di settembre?
Nì. Ovvero, per due settimane sì.
Poi ho ricominciato la sequenza di giornate a Milano-serate al lavoro in casa e quando anche avevo le sere libere o mi prendevo del sacrosanto tempo con le persone care o ero troppo stravolta per concentrarmi ancora su scrittura e lettura. Quindi, 50.000 battute le prima due settimane. Zero le seconde due.
No che non va bene.

Cerco comunque di essere positiva. Almeno ho ricominciato a scrivere. E ho le idee più chiare sul finale del romanzo in stesura. Ancora più di una To Write List mensile quella che mi preme è la To Write List dei prossimi tre mesi: voglio, voglio, VOGLIO finire il romanzo entro la fine del 2014. Il 2015 ha già una mezza tonnellata di progetti in fila e questo me lo sto trascinando dietro da troppo.

In ogni caso, mi piacerebbe arrivare a quelle benedette 100.000 battute in ottobre, ma so già che sarà quasi impossibile, tra lavoro, Lucca Comics alla fine del mese, la promozione, giorni già pieni di impegni durante i quali so che non scriverò o comunque non molto. Se arriverò a 50.000 insomma sarà già un successo... Mi sono ritagliata due o tre giorni di "quasi vacanza" per tirare il fiato, ma sono già di nuovo sommersa di scadenze. Che da un lato va benissimo, è lavoro. Dall'altro, scrivere è lavoro, è piacere, è respiro, è vita.

L'importante è proseguire, anche se lentamente.


E anche se il problema ora sono la mancanza di tempo e la stanchezza, e non le idee poco chiare... un po' di motivational fa bene comunque, no?

8 commenti:

  1. Dovrei fare anche io una bella to-write list, se voglio rimanere nei tempi e finire il romanzo entro la primavera. Anche io sono un momento decisamente impegnativo, ed il fatto che scrivere non sia ancora un lavoro a volte mi porta inevitabilmente a mettere il romanzo in secondo piano rispetto ad altre questioni. Però cerco di darmi da fare più che posso. Tutti i lunedì e i giovedì alle ore 18:00 arrivo dall'ufficio e dico "sono distrutta: stavolta non riuscirò mai ad aggiornare il blog". Però mi siedo al pc e ce la faccio tranquillamente. Non ho mai saltato un aggiornamento. Se l'amore mi guida, non c'è stanchezza che tenga. Per fortuna il mio compagno sa che in quei due giorni deve cucinare lui, quindi mi da una mano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo imparare a ottimizzare i tempi, quando sono stanca faccio troppa fatica a concentrarmi e finisce che mi distraggo troppo... per adesso comunque non ho fretta e mi basta essere riuscita a riprendere dopo un periodo di difficoltà

      Elimina
    2. Fai bene a non avere fretta. Non serve a niente. Ne ho parlato proprio in uno degli ultimi post.
      Io quando sono stanca riesco a fare i post del blog, ma non a lavorare al romanzo. Al massimo posso revisionare

      Elimina
    3. Idem. Quando sono troppo stanca per scrivere almeno rileggo e cerco di restare nel mood della storia

      Elimina
  2. Se ti può consolare, io scrivo un sacco: relazioni educative, ipotesi di piani didattici di fatto inapplicabili per il corso di abilitazione all'insegnamento, ipotesi di verifiche di fatto inapplicabili, ipotesi di programmazioni didattiche... Il tutto per abilitarmi per un lavoro che sto già facendo! Ah, dimenticavo, c'è anche il corso in cui mi hanno dato la definizione di "romanzo giallo" da insegnare agli alunni, nel caso non la conoscessi...

    Buona scrittura vera!

    RispondiElimina
  3. Scrivi, scrivi! Io sto leggendo "Angelize" e... ti dirò! Ma intanto tu scrivi, scrivi, scrivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh *___* Attenderò vagamente inquieta ^^'

      Elimina