lunedì 3 novembre 2014

This is Lucca Comics & Games - 2014

Raccontare Lucca Comics è un'impresa non da poco perché, tornati a casa, resta una tale quantità di immagini, di incontri, di battute, di colori, di voci, che farvi ordine è impossibile. Vi racconterò perciò i frammenti di un quadro mobile e ricchissimo, per ricordare anche a me stessa il più possibile di questi giorni splendidi.

La mia Lucca è iniziata con il viaggio verso l'agriturismo che avrebbe ospitato me e Luca Tarenzi e sarebbe servito da base per gli spostamenti - un posticino delizioso immerso nel verde, dove siamo stati accolti da una golden retriever affettuosissima e da una quantità di gattini bellissimi, coccolosissimi... "issimi" in tutto. Otto micini che sembravano diciotto, da quanto sfrecciavano, giocavano, miagolavano e chiedevano carezze. Praticamente un paradiso, sovrastato da un cielo notturno limpidissimo e pieno di stelle come non ne vedevo da molto tempo.

Il trench e la spada: educational di Luca Tarenzi
Quanto servisse un angolino come questo dove riposarsi la sera è stato subito chiaro dal giorno dopo, quando ci siamo immersi nell'oceano di cosplayer, nerd, lettori, giocatori di ruolo e curiosi che si è riversato a Lucca. Stime ufficiali non ne conosco ancora, ma ho sentito che solo i biglietti venduti on line prima dell'evento sono stati nell'ordine dei trecentomila. Ignorati dai media, o quasi, ovviamente, come al solito...
Rispetto agli anni scorsi, i corridoi erano più ampi nei padiglioni, c'era un'uscita in più per far circolare meglio le persone, diversi stand erano dislocati in punti diversi della città e così via. Venerdì e perfino domenica si riusciva a respirare, più o meno, ma nonostante questo sono stati inevitabili i momenti di sovraffollamento, in particolare il sabato, quando attraversare la città dai Comics ai Games è stata una vera impresa e in alcuni punti mancava veramente l'aria. Un po' meglio quando si passava per le vie laterali, ma è inutile dire che Lucca non è una città pensata per contenere una tale massa di gente. Vedremo l'anno prossimo.

Il trench e la spada: educational di Luca Tarenzi
Il venerdì è stata la giornata più devastante, almeno per noi, perché avevamo un calendario fittissimo di eventi. Sono contenta del fatto che siamo riusciti a fare più o meno tutto e a salutare quasi tutte le persone che ci eravamo prefissati (quasi: mi scuso con chi abbiamo mancato!), nonché degli incontri imprevisti e delle nuove conoscenze. Andando con ordine, comunque, dopo aver lottato per accaparraci i rispettivi pass ospiti, arriviamo giusti per il primo dei due educational tenuti da Luca sull'urban fantasy, Il trench e la spada. Più o meno sapevo già di cosa si sarebbe parlato, avendone discusso man mano che Luca preparava il materiale per la lezione, ma è stato comunque un appuntamento interessantissimo: si parlava di cose che amo, ne parlava la persona più esperta sul tema in Italia, se ne parlava in modo accattivante e il pubblico ci ha messo del suo, tra domande e osservazioni. Spero che qualcuno posti on line l'audio della lezione, e nel caso ve lo linkerò ^^
Oltre a questo e ai saluti agli amici, ho avuto una splendida sorpresa: Marika Michelazzi mi ha portato questa meravigliosa tavola che illustra l'inizio di Angelize. Sono ancora senza parole e con gli occhi a stellina.

Marika Michelazzi illustra l'inizio di Angelize

Dopo il firmacopie di Luca allo stand GeMS e il pranzo seduti sulla ghiaia in puro stile vagabondo, giunge l'ora della presentazione di Angelize II - Lucifer presso lo stand Wild Boar: informale e condita dai tradizionali biscotti che avevo preparato anche l'anno scorso (vi riposterò la ricetta, ok... ;-) attenzione, non sono dietetici!) Una bella chiacchierata, con il contorno di foto e incontri: ho avuto il piacere di conoscere dal vivo molte lettrici con le quali finora avevo parlato solo tramite internet, e anche di incontrare prima e dopo compagni blogger e autori (Davide Mana, Mauro Longo, Giacomo Dacarro...) Giusto il tempo di trascinarci esausti fino allo stand Origami e salutare Andrea Atzori (che ogni volta subisce pazientemente i miei super abbracci) e Tim D.K. autori di Multiverse Ballad. E...
... E a questo punto eravamo già distrutti. La cena con Francesco Roghi di Casteloricalco e Gabriele della Torre di Tanabrus è arrivata al momento giusto per non collassare, gustare un po' di ottima cucina locale e rilassarsi un po'.
E la notte le stelle cadenti hanno salutato la celebrazione di Samhain... una festa speciale, quest'anno, che porterò sempre nel cuore.

Sabato è iniziato con un tantino di coda in autostrada: partiti dall'agriturismo con un'ora di anticipo, siamo arrivati con mezz'ora di ritardo. E come noi anche parte del pubblico dell'educational di Luca, che è stato ugualmente interessante anche perché le domande della gente intervenuta ha portato la discussione in direzioni diverse rispetto al giorno precedente. Gli orari di sabato, almeno, erano un po' più tranquilli, e anche se abbiamo finito con il saltare il pranzo (trovare un bar che non fosse superaffollato lungo la strada dai Games ai Comics era un'impresa) siamo giunti sani e salvi allo stand Rizzoli Lizard, dove ho tenuto il mio firmacopie e ho potuto salutare un sacco di vecchi amici e di nuove conoscenze. Grazie a tutti! *___*
Con calma, poi, appuntamento presso la sala Ingellis per una bella chiacchierata con i ragazzi di Fantasy On Air (vi segnalerò il link quando l'intervista che io e Luca abbiamo fatto sarà on line, perché sarà molto succosa...) e finalmente un pochino di riposo fino alla cena. In realtà, il "riposo" è un'utopia, perché non si è mai finito di camminare, farsi largo tra la folla, prestare attenzione a questo e quello... This is Lucca.

Arma da live ^^
Domenica, arrivare è Lucca è più facile e i cosplayer arrancano per la stanchezza (tant'è che un gruppo di soldati pareva davvero reduce dal Vietnam ^^). Spazio giusto per gli ultimi saluti, per la ricerca dei regali (guardateeeeeee il pugnale da live strafichissimo che mi hanno regalato! Da profana, non pensavo che le armi in lattice costassero così *coff coff* ma alla prossima sessione di Werewolf ecco cosa sfoggerò *_________*), per visitare gli stand che ci eravamo persi e ammirare per l'ultima volta i cosplay. Abbondanza di Frozen con un sacco di Elsa e parecchie Anna, meno steampunk dell'anno scorso, a occhio, ma più zombie, un fantastico Obelix, principesse Disney, guerriere Sailor, Avengers vari, studenti di Hogwarts in quantità... un'invasione davvero. Partendo verso l'ora di pranzo il viaggio è stato tranquillo, e gli addetti ai lavori con ancora il badge di Lucca Comics al collo, al tavolo accanto al nostro in autogrill, sono stati l'ultima visione della fiera. Per quest'anno...

Tutte le foto da Lucca Comics a questo link: nei prossimi giorni aggiungere tutte quelle che potrò, man mano che le persone che ne hanno scattate le metteranno on line.

On air:
Avril Lavigne, Innocence
Leaves' Eyes, Leaves' eyes

14 commenti:

  1. Been there, done that!
    I biscotti a forma di ala d'angelo erano buonissimi. ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sono stata contenta di conoscerti di persona, finalmente ^_^

      Elimina
  2. Mi è mancato davvero molto non andare a Lucca quest'anno... ma almeno ho letto le vostre avventure! :P e spero che da qualche parte ci sia il file audio dell'educational di Luca!
    L'anno prossimo, però, ci sarò anche io! u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì! e tu sei mancata a noi :-* Io sono ancora stordita (e raffreddata e con la tosse) dopo il caos di Lucca, e il pensiero di tornare in una tale bolgia mi fa rabbrividire... ma per l'anno prossimo la stanchezza sarà convenientemente dimenticata ^^

      Elimina
  3. Io purtroppo sabato sono rimasta fuori dal padiglione games perché, ora che ho finito il giro dei padiglioni dedicati ai fumetti, hanno chiuso l'accesso dalla città e non si riusciva ad accedere all'altra coda. Rispetto agli altri anni, quando la folla era un disagio, sabato è diventata un problema. Purtroppo, complice la mancanza di un ponte e il bel tempo, c'era poco che si potesse fare.
    Mi è spiaciuto molto non essere venuta a salutarti, ma, anche con i disagi dovuti a un afflusso così ingente, è stata comunque una bellissima giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la folla era davvero troppa, sabato non si respirava... Dai, sarà per la prossima volta!

      Elimina
  4. Una bella avventura e bellissima l'illustrazione! *_*

    RispondiElimina
  5. Ma che bel resoconto! Io non saprò mai fare una cosa del genere... per fortuna che l'hai fatto tu!

    Io posso solo dire che è stato il mio primo Lucca Comics ed è stato una bella esperienza e... rivederti mi ha fatto piacere!

    RispondiElimina
  6. Mentre cercavo di scrivere un post su Lucca CG per Parliamo Digitale scendevo sempre di più nella disperazione, perché non sapevo come *coff*diavolo*coff* raccontarlo... Poi ho letto il tuo post, Aislinn e mi è stato di ispirazione. Senza volere mi hai tirato fuori d'impaccio. Peccato che abbia potuto essere a Lucca solo il 30. Mi sarebbe piaciuto incontrarvi, te e Luca. Ci riproverò il prossimo anno. Intanto ti lascio il link al mio resoconto, se ti va di leggerlo: http://parliamodigitale.it/diario-viaggio-lucca-comics-games/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo leggo di sicuro! Ci incontreremo alla prossima, dai ^^

      Elimina
    2. L'anno prossimo spero proprio di riuscire a fare una visita meno tirata, partecipare a qualche workshop (se Luca lo rifà anche l'anno prossimo mi iscrivo assolutamente; anzi magari ti chiederò di dirgli di riservarmi un posto mwah ah ah), incontrare delle persone. :)

      Elimina
    3. Ci organizzeremo per tutto ;-)

      Elimina