martedì 6 gennaio 2015

To Write List di gennaio - e del 2015

Siamo già al sei del mese, lo so, ma i primi giorni dell'anno sono stati di relax assoluto&totale e solo questa settimana riprendo in mano le redini del blog - e ricomincio a programmare la marea di cose e cosette previste per i prossimi mesi. Gennaio e ancora di più febbraio saranno mesi campali, a livello personale; avrò il lavoro a cui pensare; avrò la scrittura, naturalmente, in ballo.

Tra mille e una cose da fare, a dicembre il mio povero romanzo in attesa di conclusione è rimasto riposto nell'hard disk, ahimè: a mia discolpa posso solo dire che lavorando mattina pomeriggio e sera, fino alle feste non ho avuto un momento libero. In compenso, ho elucubrato, programmato, aggiustato, sistemato e fatto brain storming e ho le idee più chiare sia su quello che succederà in questo complicato e affollato finale, sia su come inserire i necessari flashback che, probabilmente, scriverò per ultimi. Questo mese, dunque, il piano è appunto quello: scrivere la conclusione, scrivere i flashback. Tra gennaio e febbraio, infine, rilettura di tutto con necessari primi aggiustamenti (avendo cambiato alcune cose in corsa, devo fare delle modifiche più o meno grandi qua e là), tagli e aggiunte dove necessario.

E poi? Sempre ammesso di riuscire in questo piano, il passo successivo sarà la prima delle due Storie Complicate che ho in mente da un bel po'. Sono "complicate" perché sono entrambe molto diverse da quanto scritto finora; fantasy, ma non urban fantasy né fantasy "tolkieniano". Vedremo. E, oltre a tutto questo, mi rigiro in testa un'ideuzza che mi intriga assai - stavolta sì urban fantasy - ma che non ho ancora chiaro dove mi porterà.
E poi, avendo concluso la mia "trilogia atipica" formata da due romanzi che ho già terminato e da questo in dirittura d'arrivo, ci sarà da meditare su un'altra storia ancora... che parlerà di caos e magia, di divinità e sciamani piuttosto scalcagnati. Ma questo è un progetto a luuungo termine... prima, il resto.
Già così mi sembra di avere abbastanza carne al fuoco da poter "grigliare" per due o tre anni almeno...

Nessun commento:

Posta un commento