lunedì 30 marzo 2015

Down with this ship

Un argomento che ho toccato spesso, ultimamente, parlando con amici e colleghi, è quello delle "ship". Una volta si sarebbe detto forse tifo ("Oh, io tifavo GiuliettaXMercuzio"), oggi si parla di "fangirlare" o "shippare" (e sento i grammar nazi rabbrividire per questi inglesismi sciolti, ma onestamente... so what? ;-P ).
In realtà, anche se a volte tendo a usarli insieme, si riferiscono a due manie diverse. Essere una "fangirl" di Tizio o Caio è intuibile cosa possa significare: amare un personaggio, sperare che "vinca" (o sopravviva, o ottenga un certo obiettivo, o sia felice, o tutto questo insieme, con varie sfumature), fino a veri e propri deliri paragonabili a quelli delle fangirl di cantanti e attori. Shippare, parola che consente innumerevoli giochi di parole, in inglese, con ship, nave, si riferisce invece al tifo per una coppia, e una coppia in senso romantico, di personaggi. Dalle diatribe HarryXHermione contro HarryXGinny, alle mille varianti di LokiX... (tutta colpa della figaggine e del carisma di Tom Hiddleston, obviously), che lo vogliono insieme a Thor, a Tony Stark e quant'altri mai, ogni libro, film o telefilm consente potenzialmente di "shippare" due (o più) personaggi.

Insomma, qualcosa di completamente insensato e assolutamente meraviglioso, a seconda di come lo prendiate, sublimazione dell'incantesimo che un libro o un film possono gettare e sfacciata dichiarazione di illogicità. Per quanto riguarda me, lo confesso: sono colpevole. Non magari spesso, e non al punto da mettermi a scrivere fanfiction o disegnare scene di sesso da postare su Tumblr (culla di ogni eccesso "shippico"), ma mi capita: quando amo una storia, quando i personaggi mi colpiscono... Insomma, che gli sceneggiatori di Once upon a time (spoiler) abbiano separato Rumple e Belle è stato un colpo al cuore. E ho sempre pensato che HarryXGinny e RonXHermione fossero le coppie "giuste". Poi, nel caso di OUAT soffro, nel caso di Harry Potter se le cose fossero andate diversamente me ne sarei fatta una ragione senza problemi, ma, appunto, la mia capacità di shippare personaggi ha i suoi gradi.
Ma quando fangirleggio per un personaggio, giungo a estremi come quelli che ha toccato il mio rapporto con Being human, la serie inglese: (spoiler) so che Mitchell muore alla fine della terza stagione. Ergo sono ferma a metà della suddetta stagione da... x tempo.
Al solito, non ho mai detto di essere sana di mente.

Detto questo, immaginate le vette di follia che raggiungo quando si tratta dei miei personaggi.
Unite la mia abitudine-necessità-tecnica-chiamatela come volete di immergermi nella loro personalità e "entrare nella pelle" di ciascuno, modellando lo stile della mia terza persona limitata sul loro linguaggio (tra tutti, il POV che preferisco usare), al fatto che per me sono la parte più importante di una storia, quella che più mi appassiona, al punto che avere almeno un personaggio che sento di conoscere bene è per me condizione indispensabile per iniziare un nuovo romanzo... e shakerate il tutto con la tendenza alla crudeltà nei confronti degli stessi personaggi.
No, non è semplice essere una Creatrice Bastarda Dentro e amare così tanto i tuoi "ragazzi di carta".
WritingCon i miei preferiti, poi, lo confesso, arrivo non solo al punto di shipparli secondo "canon" (l'espressione che indica ciò che avviene nelle storie ufficiali), come può succedere per esempio quando shippo Haniel e Rafael... mi capita a volte di farmi da sola le ship "fanon" (ovvero quelle non ufficiali, ideate dai fan/lettori/spettatori). Per esempio, io ho sempre considerato una bellissima coppia Hesediel e Uriel. Non capiterà mai, mi spiace deludere qualunque yaoista sia già partita in quarta: entrambi hanno destini diversi ed entrambi sono etero. Ma oh, posso fantasticare pure io.
Ora, immaginate come mi sento in questo periodo in cui le tre coppie al centro del romanzo attualmente in stesura soffrono tutte abbestia... Sigh. Lo prendo come karma. Espio la colpa di far soffrire altrettanto i lettori.
E no, non ditemi "allora non farli soffrire". Prima di tutto, se tutti sono felici e contenti manca il conflitto, ergo non c'è storia da scrivere. E in secondo luogo, io metto in moto la vicenda, poi se sono uno più testone dell'altro, si cacciano nei guai, compiono scelte sbagliate e nel frattempo ho pure un antagonista cazzuto - che pure lui mi sta simpatico mannaggia - che rende loro le cose difficili... la frittata è fatta.

Un aspetto che non avevo considerato, invece, è quello di cui discutevo nei giorni scorsi con Luca Tarenzi, che se la ride quando io soffro atrocemente per questo o quel personaggio. Ovvero, il carattere splendidamente femminile dell'attività di shipping. Mi è stato fatto notare che sono in genere le donne, infatti, a tifare per le coppie di personaggi, o a idolatrarne a tal punto uno, mentre i maschi, be', magari sperano nel lieto fine, ma che (ancora OUAT spoiler) che Belle finisca con Rumple o con Will Scarlet è indifferente. Non a caso in questi casi, spesso, si parla di fangirl e di fangirlare (altro termine che farà l'effetto unghie sulla lavagna ai puristi), e non solo di fan, credo: quell'aggiunta da "femmine" connota una passione più smodata, un amore più assoluto e a volte ben poco obiettivo. Con una sfumatura vagamente maschilista e di disprezzo, se chi usa il termine vuole.
Non sono così sicura che non esistano maschi "shipper", ma in effetti tutte le volte che mi è capitato di parlarne - e parlarne a livello appassionato, non solo per amore di discussione - è stato con amiche donne. Qualcuno smentisce questa osservazione e porta esempio di amici lettori o spettatori maschi e shipper?
Nel frattempo, torno a riparare i buchi sullo scafo delle mie navi...

"There's a time and place for everything, and I believe it’s called 'fan fiction'" - Joss Whedon
Le gif animate vengono da internet e si trovano riprodotte su centomila siti diversi, non ricordo dove lo ho pescate, ma presumo fosse tra i meandri di Tumblr chissà quando... La vignetta viene da Pinterest.

16 commenti:

  1. Ahah! :D Sono assolutamente colpevole! E io scrivo pure fanfiction! LOL E Loki, yes, è tra i miei interessi scrittevoli! ù.ù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho scritto una sola fanfiction, mille anni fa, prima ancora che circolassero internet e il termine XD

      Elimina
  2. Io shippo da morire Hani e il Biondo (penso che ormai l'avrai capito, ma non smetterò mai di ripeterlo <3 ) e fangirleggio incondizionatamente per qualsiasi tuo personaggio, perfino Lucifero... O Mikael... (Sì, non sono sana di mente al 100% ma va bene così. Sei tu che crei personaggi troppo fighi anche se bastardi! :-P )
    PS: DEVONO soffrire, altrimenti non c'è gusto nella storia! :-) (prevedo un esercito di personaggi desideroso di uccidermi per la mia affermazione)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *___* Giusy, arrossisco e ti mando un abbraccione... sperando di abbracciarti dal vivo fra un mese!

      Elimina
  3. Ho abbandonato la mia aureola da Grammar Nazi e fangirlo come se non ci fosse un domani! (sui tuoi personaggi in primis :P).
    Comunque è vero, anche per la mia esperienza è una cosa tipicamente femminile: posso discutere con mia sorella per ore di quanto sarebbe se Daenerys e quell'idiota di Jon Snow si mettessero insieme alla fine di Game of Thrones, mentre ai miei amici maschi non potrebbe importare di meno.

    A proposito, fatemi sparire Will. Tanto carino e simpatico, ma Rumple è Rumple. U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Rumbelle all the way!
      Gli uomini non sanno cosa si perdono, comunque u_u

      Elimina
  4. Mio marito è l'unico esemplare maschio in un gruppo di gioco di ruolo tutto femminile. Le letture di base sono più o meno quelle per tutti, ma mentre lui si infervora un sacco quando si parla di costruzione del mondo e di teoria della magia, quando si parla di coppie si azzittisce del tutto e ci guarda come fossimo pazze...
    Io mi reputo colpita solo di striscio dalla malattia dello ship. In fin dei conti gran parte della mia scrittura è fanfiction (SH), ma "chi finisce con chi" è marginale (fino a un certo punto perché se leggo qualcosa che reputo inammissibile da questo punto di vista sui miei personaggi preferiti vorrei dar fuoco seduta stante a opera e autrice).
    Però Ginny no... Non me ne sono ancora fatta una ragione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chi finisce con chi" non è nemmeno il mio primo problema - di solito. Mi si attiva solo per i personaggi che mi conquistano davvero *___*

      Elimina
  5. Pensa a me che nasco.con la (seconda) ship per eccellenza ovvero la kirk/spock dai tempi in cui il telefilm venivano per la prima volta trasmessi in Italia... Comunque hai ragione, pare sia uno sport tipicamente femminile ma forse perché - e qui so che sto per tirarmi addosso valanghe di maschili insulti - alle donne interessa sia il lato romantico che l'approfondimento psicologico e sono più propense a leggere di sesso di quanto i maschietti (così quasi sempre pronti a farne) pare vogliano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indagherò tra le mie conoscenze...

      Elimina
  6. Io sono una shipper. Vorrei dire qualcosa di più sensato ma ora non riesco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è necessario... ci capiamo ;-)

      Elimina
  7. Shippo alla grande, anche se fino a oggi non avrei usato questo termine. (Mi fa bene aggiornarmi prima che la babbionaggine avanzi!) Non sono molto elastica sulla composizione della coppia: se io la vedo così, deve essere così, punto. Me la prendo abbastanza quando quel bastardo dell'autore la vede diversamente. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, questi autori di cui non ci si può fidare!...XD

      Elimina