lunedì 27 aprile 2015

Don't tread on my dreams

Lunedì grigio di pioggia, che ben si accorda ai pensieri di questi ultimi giorni. E per fortuna ci sono i bei momenti e le persone che sanno sempre farti sorridere, perché altrimenti resterebbero solo le montagne troppo alte, i nemici troppo forti, le assurdità e l'impossibile e tutto quello che non si può scalfire. Ti senti in colpa a lamentarti di quello che non hai, quando ringrazi gli dèi per tutto quello che invece hai.
E si sa che ci si rialza e si combatte ancora. Che si inghiotte il magone e si tenta un'altra strada. Che si racimola la passione e ci si aggrappa a quella e a ogni piccola soddisfazione. Ma certe volte semplicemente non va. E ci si sente troppo piccoli per non cadere e venire schiacciati dai meccanismi bastardi tra i quali danziamo, quando il fiato per correre e saltare e tentare mancherà. A volte sembra che la magia non basti. Che tutto quello che "vuoi", e sei, e sai, non farà la differenza.

Poi si ricomincia, eh. A lottare. A sognare, nonostante tutto, che con i sogni si possa costruire la realtà.
Perché non basta che i sogni siano nuvole: devono anche essere mattoni, per erigere dei veri castelli.

On air:
In Flames, Come clarity

Rushing through thirty
Getting older every day... by two
Drawing pictures of innocent times
Can you add color... inside these lines?

I want you to lead me
Take me somewhere
Don't want to live
In a dream... one more day

Sure it would change my perspective
I'm certain I would change today
I'm certain it would change our ways
Would things fall into place?

I want you to lead me
Take me somewhere
Just don't want to live
In a dream one more day

5 commenti:

  1. "Perché non basta che i sogni siano nuvole: devono anche essere mattoni, per erigere dei veri castelli."

    Mi inchino dinnanzi a questa frase.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^___^
      Per quello oggi il "modo" è quello della canzone che cito. "don't want to live In a dream one more day" per me vuol dire quello: non bastano solo i castelli in aria e le belle speranze, qualche volta bisogna anche arrivare ad afferrare quei sogni e tramutarli in realtà

      Elimina
  2. Pensieri simili per lo stesso lunedì. Sogni che non si riescono ad afferrare, poi un'amica ti sbatte in faccia che quello che per me è difficile/in forse, per lei è impossibile, colpa di un'Italia ingiusta che divide le persone in categorie e ad alcune nega persino i sogni. Allora ci si rimangia le lacrime e si ricomincia a lottare. Per fortuna non da soli.
    Un saluto virtuale dopo quello frettoloso, ma reale, al cinema

    RispondiElimina
  3. Uffa! Si è mangiato il commento!
    Anche per me è una giornata di lotta per i sogni, oggi, quelli grandi, della vita. L'altro giorno, mentre mi lamentavo di tutti i "se" che ho davanti, un'amica mi ha ricordato che per lei ci sono solo i "mai", colpa di un'Italia ingiusta che crea categorie di persone e differenze dove non ha senso che si siano. E quindi basta lacrime, si guarda avanti e si prova a costruire. Per fortuna con qualcuno a fianco.
    Mi auguro davvero che tu possa trovare tutti i mattoni di cui hai bisogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che il commento era solo rimasto in moderazione ^^''
      Non per fare del qualunquismo, ma il Paese in cui viviamo rende davvero più difficili molte cose... ci vuole molta incoscienza per crederci nonostante tutto, ma è l'unico modo per andare avanti

      Elimina