lunedì 18 maggio 2015

Di inizi e conclusioni

Ho finito il libro.

Ebbene sì. Venerdì sera, intorno all'una di notte. Con le ultime, poche righe che mi hanno stordito. Con la sensazione di vaga incredulità che non ha ancora smesso del tutto di accompagnarmi, perché questo romanzo è stato senza dubbio il più difficile che abbia mai affrontato, e quello che più mi ha fatto disperare.
Nasceva nel lontano 2010, ed era stato interrotto dopo che mi ero incagliata poco oltre la metà, a causa di un grave problema: l'antagonista non funzionava per niente. Ed era un enorme peccato, perché in realtà la prima parte della storia filava, mi intrigava. Poi, però, poco dopo che avevo iniziato a sbatterci contro la testa, era giunta l'idea per un raccontino per un'antologia, In time of need, e da lì per una storia che sarebbe diventata Angelize... e il resto lo potete immaginare.
Oltre un anno fa ho ripreso in mano il mio grande incompiuto. L'ho risistemato, ne ho aggiunto/riscritto parti, perché nel frattempo, nell'universo in cui è ambientato, erano capitate parecchie cose e molto non filava più nella continuity. E sono andata avanti. Con un nuovo antagonista in mente che allo stesso tempo mi interessava e mi faceva dannare, perché ha talmente tante sfumature (e la follia del good guy gone bad suo malgrado) da rendere assai arduo rappresentarlo e incastrarne la caratterizzazione nella struttura un po' particolare della storia.
In mezzo a un'altra decina di personaggi tra protagonisti e secondari, tutti da seguire, tutti che hanno bisogno del loro spazio.
Oh, che voglia che ho adesso di scrivere una cosina breve breve e semplice semplice, tre personaggi non di più...

Comunque, ho già iniziato la Feroce Revisione, ieri. Ho per le mani una massa informe e troppo grossa, come un gomitolo di lana messo insieme dai resti di cento altri gomitoli alla rinfusa, e devo tagliare, sistemare, tagliare, riscrivere, tagliare, specificare meglio, TAGLIARE SANTO CIELO.
Soprattutto, devo dargli una rassettata tale da avere il coraggio di passarlo ai primi betamartiri, che saranno indispensabili per capire cosa funziona, cosa no e come sistemarlo ulteriormente.
Quindi, vedete... ho finito il romanzo, ma il lavoro continua. Conclusa la prima revisione, comunque, in attesa del giudizio dei suddetti betamartiri, si partirà con un progetto che ho in mente da un annetto, e che per me sarà una sfida del tutto nuova.

In mezzo, tra la conclusione della stesura e l'inizio della revisione, c'è stato il sabato del Salone del Libro di Torino e di Vaporosa Mente. Giornata stancante da non crederci, costantemente in piedi a camminare da un punto all'altro; ma anche giornata di splendidi incontri, dalle mitiche Tazzine di Yoko alla Booklover per eccellenza e a una dolcissima Dama, e poi amici e amiche su Facebook, colleghi e persone che non vedevo da tanto e che sono stata felicissima di ritrovare, incontri del tutto inaspettati, fino alla deliziosa famiglia di Gainsworth, uno dei pochi piccoli editori competenti, grintosi e pieni di idee che si dedicano al fantasy: se non li conoscete ancora, andate a sbirciare le loro proposte, non ve ne pentirete. Al pomeriggio, toccata e fuga a Vaporosa Mente, per riempire di vapore e ingranaggi il Borgo medievale di Torino.
Mi resta molto su cui meditare, dopo questo week end, ma, nel frattempo, voglio ringraziare tutti voi che avete reso questa giornata così fantastica.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. E grazie a Luca che ti ha sentito dire il mio nome ^^'

      Elimina
  2. Evviva, non vedo l'ora di leggere il tuo nuovo lavoro... con la mia solita lentezza, visto che devo ancora cominciare Angelize II T__T Non odiarmi!!!

    RispondiElimina
  3. Sono curiosissima di questo tuo nuovo lavoro *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, prima dovrebbero uscirne altri due almeno, che sono in coda ^^'...

      Elimina
  4. Però che bello arrivare alla fine, nonostante tutto il lavoro che (strano a vederlo da fuori) deve ancora iniziare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì. Ho passato l'incredulità, lo stordimento, la nostalgia, lo stress, l'insoddisfazione, l'orgoglio... al momento prevale la Percezione dello Schifo Incombente >_<

      Elimina