mercoledì 15 luglio 2015

Gentle Storm - The Diary

Vi avevo già parlato del progetto Gentle Storm in occasione del concerto acustico di Anneke Van Giersbergen e Arjen Lucassen, a febbraio. Segnalarvi meglio il disco qui sul blog era in programma da allora... poi, life happens, e per un motivo o per l'altro il post è stato rimandato fino a questo momento.
Ma ora non potrete più far finta di non sapere dell'esistenza di questo album. E fidatevi, lo amerete.
Lo amerete sia che vi piacciano le sonorità più rock/metal, sia che preferiate i brani acustici, dolci e malinconici, perché The Diary è un doppio album: troverete infatti insieme la versione Storm, appunto più rock, e quella Gentle, più soft e delicata. I brani sono gli stessi, ma arrangiati diversamente e con sonorità ben differenti. Chitarre e batterie, ma anche momenti folk e sinfonici, e su tutto la splendida voce della grandissima Anneke.
Gli autori dietro questo geniale monicker - che io adoro: il lato romantico di me (esiste, ma non ditelo in giro) si è innamorato di questa espressione - sono, come detto, due nomi notissimi a chi bazzica metal e rock alternativo: Anneke è la splendida voce per anni nei Gathering, poi solista e ospite di numerosi altre band, Arjen è il mastermind degli Ayreon, sontuoso progetto che negli anni ha prodotto splendidi concept album infarciti di collaboratori illustri (tra tutti, non perdete il disco 01011001, per favore). Lui autore delle musiche, lei dei testi (che compongono una storia... sulla quale non vi do spoiler): insieme, vi accompagnano in un viaggio dalle strade della meravigliosa Amsterdam alle esotiche coste dell'India, vi fanno assaporare il mare e il vento... vi conquistano. A partire dalla bellissima Endless sea, attraverso Heart of Amsterdam, Shores of India, The greatest love, fino a New horizons... e una volta finita conclusa la Storm version, ripartite con la Gentle (per un confronto, vi linko i brani citati anche in questa versione: Endless sea, Heart of AmsterdamShores of IndiaThe greatest love, New horizons).
E se dal vivo i due artisti olandesi sono affabili, simpaticissimi, e impeccabili nelle esecuzioni, su disco non potranno che affascinarvi, per un disco che saprà avvolgervi e riscaldarvi. E speriamo sia solo il primo di molti.

... One look at you and you
Light up the sky and my emotions
Return to me from the mist
Of the endless sea
you'll be back from the endless sea
I vow to be courageous
Not allow myself undone
A gentle storm within me...

Nessun commento:

Posta un commento