lunedì 28 dicembre 2015

Star Wars VII - Il risveglio della Forza

Sì, ci saranno spoiler. Get over it.
Proseguite a vostro rischio e pericolo.

Per me è stata una prima volta: non avevo mai visto uno film di Star Wars al cinema. Ed ero anche stata alquanto delusa dalla trilogia nuova, tanto più che sono sempre stata affezionata a quella originale - all'unica vera trilogia, diciamolo. Non sono una fanatica, ma ho sempre avuto un debole per Han Solo, uno dei primi personaggi di cui mi sia mai innamorata... quando ancora non sapevo nemmeno che esistesse la parola fangirl :-P Comunque, giuro che mi sono avvicinata alla visione del nuovo episodio con sobrietà e controllo. Non stavo facendo il conto alla rovescia, non ho bivaccato di fronte al cinema per conquistare i posti migliori.
Poi.
Poi capita che le luci si abbassano, lo schermo si riempia di scritte che scorrono tra le stelle, parte la musica. Quella musica.
E puf.
Via razionalità, via controllo. Su quella poltrona da cinema c'era la stessa bambina che guardava L'impero colpisce ancora a occhi sgranati.

Ora, lo so che in questo periodo non si parla d'altro. E ovviamente un argomento come questo ha scatenato tutto il peggio dei social network e affini. Chi lo ha amato insulta chi lo denigra. Chi lo ha detestato considera tutti gli altri dei decerebrati. Chi vuole superarsi demolisce l'intero universo guerrestellaresco, film nuovi o vecchi insieme. Inevitabile, ahimè, ora che sembra impossibile esprimere un'opinione senza che si scatenino discussioni infinite: perché certo, bisogna dimostrare di essere più intelligenti, più furbi, più arguti... e per farlo è sempre meglio criticare, piuttosto che dire "bello!"
Ecco, a me non frega niente di convincere nessuno. Il film mi è piaciuto perché ha ricreato abbastanza bene la magia dei primi capitoli - che senz'altro resteranno i migliori di tutta la saga, ma ciò non mi impedisce di apprezzare anche questo episodio: per lo spirito - le molteplici citazioni dal primo, come il Millennium Falcon che si guasta, tanto per fare un esempio - e per i personaggi. Vecchi e nuovi.
Certo, la prima critica che si fa al film è: "ma la trama è la stessa di Una nuova speranza!" Come se non fosse voluto, ma fosse semplicemente frutto di mancanza di fantasia. Ok, si poteva variare qualcosa, si poteva evitare l'ennesima "Morte-Nera-O-Qualcosa-Del-Genere" da far esplodere?... Senza dubbio, ma quando anche i personaggi stessi ci scherzano su... rideteci sopra anche voi. Poi, è chiaro, ognuno ha diritto alla sua soglia di fastidio, ma Star Wars VII non è riuscito a raggiungere la mia. Vederlo è stato fare un giro al luna park, puro e semplice: e io mi sono divertita.

Per quanto riguarda i personaggi, mi hanno convinto in pieno. Rivedere i vecchi eroi , sia i principali sia quelli che si intravedono nel background, come alcuni degli alieni ribelli, è stato emozionante, nonostante lo scontro tra realtà - il tempo che passa è a volte impietoso - e immaginazione (Harrison, Carrie e Mark invecchiano come esseri umani, Han, Leia e Solo al massimo dovrebbero avere qualche affascinante rughetta... ma gli eroi non invecchiano, no?) E non mi riprenderò mai dalla morte di Han Solo: so che Harrison Ford l'avrebbe voluta addirittura in Il ritorno dello Jedi, ed era evidente che il suo ruolo, nel nuovo film, era quello di Obi Wan in Una nuova speranza: una morte più che annunciata. Ma dopo averlo visto per un paio d'ore fantastico come sempre... niente, il groppo in gola non passa. E non sarà facile sostituirlo nei prossimi.
I nuovi personaggi? Funzionano, a mio modesto parere. Finn, il fifone che trova il coraggio di combattere, nonostante un pizzico di insta-love di troppo, forse; Rey, la ragazza che scopre di avere la Forza (lo so, lo so, "come fa a usarla così bene se non l'ha mai fatto prima?" Be', combattere già lo sapeva fare, anche se con il bastone e non con la spada laser... e per quanto riguarda i trucchi mentali, ok, conveniente dote naturale, e pazienza). Poe Dameron, il simpatico pilota con poco spazio, per ora, ma che potrebbe fare l'Han Solo della situazione nel prossimo, chissà. E poi c'è lui, "il nuovo cattivo": no, non mi riferisco al Gollum sovradimensionato virtualmente che fa la parte dell'imperatore di turno, ma naturalmente al figlio di Han e Leia finito a fare il cosplay di Darth Vader nella speranza di essere all'altezza di cotanto nonno. Ecco, a parte la frustrazione per il fatto che non si riesca ad avere un rapporto genitori-figli normali, in questo mondo, io ho apprezzato la caratterizzazione di Kylo Ren. Non è ancora l'Antagonista, ma è un Antagonista In Progress: tanto potente e terrorizzante con la maschera - quando nessuno oltre a lui sa usare la Forza - quanto è insicuro e ancora troppo debole se quella maschera la depone. Ho letto gente lamentarsi perché "è solo un ragazzo, non è carismatico come Darth Vader". Be', certo. Mi sembra talmente palese che l'intenzione fosse proprio quella da stupirmi che ci sia chi non l'ha colta... Resta la curiosità di vedere quale sarà la sua evoluzione: immagino vaderiana - raggiungerà il culmine del potere e della malvagità per poi redimersi all'ultimo? In ogni caso, attendo di vedere come se la caverà l'attore, Adam Driver*.

Insomma, per me il pollice è alto. Il risveglio della Forza mi ha divertito, mi ha coccolato con un po' di fan service, mi ha avvinta anche quando si capiva benissimo cosa sarebbe successo di lì a poco. La prima, leggendaria trilogia resterà la fondazione del mito, la prima fiaba ad avermi fatto fare gli occhioni a stellina davanti al televisore, ai tempi preistorici delle videocassette, il primo film in cui ho iniziato ad apprezzare gli eroi ironici e scanzonati. La seconda trilogia per me sostanzialmente non esiste (l'ho vista una volta e più o meno dimenticata). Questa nuova... be', io sarò al cinema anche al prossimo episodio.

* Ok, da Han e Leia ci si poteva aspettare un figlio più figo, da un mero punto di vista estetico. Che vogliamo farci...

10 commenti:

  1. Anche io non sopporto le persone che non rispettano le opinioni altrui: per questo, anche se io la trilogia "prequel" l'ho adorata, non mi sogno nemmeno di criticarti per la tua differenza di vedute :D .

    Detto questo, sono abbastanza d'accordo con te su "Il Risveglio della Forza". Mi sono piaciuti molto Rey e Finn, la prima come personaggio femminile forte e che non ha bisogno del principe che la salvi, il secondo che umanizza le figure dei soldati imperiali, che nella prima trilogia era praticamente marionette; quello che mi è piaciuto di più è stato però Kylo Ren, come hai detto tu molto realistico, nel suo essere un ragazzino che vorebbe essere cattivo ma è ancora molto immaturo. Ottimi anche i personaggi vecchi, specie Han Solo; ho invece odiato la scelta di Luke di sparire quando c'era più bisogno di lui, ma essendo il personaggio "un campione dell'immobilismo" (come ho letto altrove) e un po' fastidioso già dalla prima trilogia (almeno secondo me), è comunque una scelta realistica per lui :D .

    Ci sono però un paio di cose che non ho apprezzato. In primis, il concentrarsi praticamente solo sui personaggi e lasciar perdere un po' la situazione politica generale della Galassia. E' vero che è lo stesso per la prima trilogia, ma con la seconda da questo punto di vista hanno espanso molto l'orizzonte della saga, quindi mi sarei aspettato che parlassero almeno un po' di più di cosa è successo dopo la fine dell'Impero. Poi, non mi è piaciuto "il risveglio della forza" in Rey nel combattimento finale: so che è funzionale alla trama, ma avrei preferito che lei e Finn avessero sconfitto Kylo insieme e con fortuna, invece che la soluzione un po' inverosimile che hanno messo in scena. Comunque sono due particolare che in fondo non mi hanno rovinato troppo la visione del film :) .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trilogia nuova non mi era piaciuta all'epoca, ma ho ricordi molto vaghi quindi non approfondirò il giudizio fino a quando la rivedrò e potrò valutarla a mente fresca

      Elimina
  2. Pollice in su anche per me, nonostante l'effetto "già visto".
    Su Kylo Ren al momento contesto proprio il casting, non l'idea della caratterizzazione. Questo poveretto non sono è bruttarello, ma ha anche l'espressività di un tricheco, tanto che è mille volte meglio con la maschera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il casting non ha convinto del tutto neanche me, ma chissà, sono pronta a ricredermi se i prossimi film me ne daranno l'occasione...

      Elimina
  3. Anche a me è piaciuto assai. "La vendetta dei Sith" rimarrà sempre il mio preferito e Anakin ha un fascino che Kylo Ren non ha. Ciò detto, è soltanto il primo film di una trilogia, quindi ci sarà tempo e modo per approfondire i nuovi personaggi, che per ora mi piacciono molto; soprattutto Rey, finalmente non una principessa ma una guerriera, e anche Finn, originale vedere uno stormtrooper disertore. Ottime scelte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi troverò il coraggio di riguardare gli episodi I, II e III...

      Elimina
  4. Kylo Ren è riuscito a farmi disertare dai ranghi dei cattivi dove avevo militato per tanti anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo cattivi, se ne faranno una ragione, magari rapendo qualche altro ragazzino da addestrare XDDD

      Elimina
  5. Sì, chi critica con astio i gusti degli altri è una cosa insopportabile, ma purtroppo il mondo è fatto così...
    Fermo restando che a me questo film proprio non è piaciuto .___.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è diritto di chiunque dire "Non mi è piaciuto". Il problema è che laggente ha bisogno di dire "Non mi è piaciuto (o forse sì ma fa più figo se lo demolisco) e ora userò il mio intelletto superiore e del mio humour graffiante per dimostrarti che tu che lo hai apprezzato sei un imbecille".

      Elimina