mercoledì 19 aprile 2017

Vento di primavera

Ieri Arona sembrava decisa a volersela filare a Oz, sradicata da un vento impetuoso che ha spazzato la città rovesciando vasi, strapazzando persiane e rendendo arduo camminare sul lungolago. Niente pioggia, però: lo stesso sole luminoso e gentile che sfolgora anche in questo momento fuori dalla mia finestra.
L'immagine viene da WeHeartIt
Primavera.
Ho sempre preferito le stagioni di luce: svegliarmi con il sole, vestirmi leggera, trovare fiori colorati che punteggiano gli angoli della città, anziché imbaccuccarmi per ripararmi dalla pioggia di giornate troppo corte. In questo periodo così meditabondo, un  po' di attese un po' di maturazione, un po' di semi che attendono di sbocciare un po' di dubbi, bevo la luce del sole come un nettare. E il vento di ieri, con tutti i disagi che ha portato, mi è tuttavia sembrato amico: portateli via i dubbi, vento, portati via tutte le paure e i rancori, le ferite e la rabbia. Ripulisci l'aria che respiro e gonfia le mie ali.
Ecco, un augurio per questa primavera, un desiderio soffiato via come le delicate piumette di un dente di leone.
Aprile scorrerà via tra impegni e lavori di cui occuparsi; a maggio si vedrà. Vorrei tornare a scrivere; vorrei avere risposte; vorrei iniziare nuovi lavori e progetti e continuare a sfidare il mio corpo. Vorrei riempire le mie giornate di cose belle, soprattutto: concedermi qualche volta di non lavorare nel week end, o di restare a letto fino a tardi; scoprire posti, camminare, andare.
Mi tengo stretta la luce e prego gli dèi.

Intanto, però, primavera è anche Pasqua, ed esperimenti culinari. Questa torta alle fragole, per esempio: buonissima, leggera e facile, ve la consiglio ;-) Spero di rifarla presto, anche perché stavolta è stata spazzata via prima di fotografarla... L'aspetto non è quello che vedete nelle foto al link della ricetta, comunque: la crema di fragole è rossa come si deve!
Dall'impasto al forno... al piatto ^_^
Avendo poi delle mandorle in casa ho deciso di sperimentare una variante di cookies, i biscotti burrosi all'americana. Ho preso gli ingredienti e le dosi per la base dalla ricetta dei chocolate chip, i cookies con le gocce di cioccolato, dal libro Biscotti e dolcetti di Carla Bardi, mia personale miniera di ricette buonissime, che assolutamente vi consiglio (grazie Sam che me l'hai regalato tanti anni fa! <3 ) Poi però ho variato andando a gusto personale e aromatizzandoli con mandorle a pezzetti, cannella e scaglie di cioccolato fondente. Il risultato: irresistibile, dolce e croccante. Se non avete il libro, potete cercare una classica ricetta per cookies on line e poi aggiungere all'impasto mandorle, cioccolato fondente a gocce o scaglie e cannella a piacere. Sono biscotti velocissimi da fare perché non c'è bisogno di stendere l'impasto e ritagliarlo con i tagliabiscotti, basta fare delle palline e una volta in forno si scioglieranno assumendo la tipica forma rotondeggiante e un po' grezza dei cookies.
E adesso basta dolci che è meglio...
A presto!

Nessun commento:

Posta un commento