martedì 9 maggio 2017

Combattere nel fango

Buffe, le coincidenze.
Qualche giorno fa si riaccendeva la polemica legata alle dichiarazioni raggelanti di un'autrice italiana secondo la quale, sostanzialmente, le donne stanno  meglio "male accompagnate che sole". E proprio qualche giorno fa io finivo di leggere The Geek Feminist Revolution, raccolta di saggi brevi e articoli dell'autrice americana Kameron Hurley. Il titolo è esplicito, ma nel libro non si parla solo di "femminismo" o di "donne nerd": il discorso si allarga a comprendere tutte le minoranze virtualmente invisibili attive nel campo della letteratura di genere e, in senso più ampio, nella società tutta. Si parla dell'immagine della donna nei film e nei romanzi fantasy o di fantascienza e di premi letterari recentemente travolti da scandali, di razzismo e di relazioni abusive. Alcuni dei testi contenuti nella raccolta sono inediti, e tutti sono caratterizzati da accesa passione, da riferimenti concreti alle esperienze vissute dall'autrice in prima persona, da un costante appello a non tacere, a far sentire la propria voce, a lottare per i propri obiettivi - che si tratti di diventare scrittori o di raccontare le storie di chi è stato dimenticato dalla Storia.
Non è un libro semplice da digerire: non offre compromessi, non cerca di essere "simpatico", non lascia indifferenti, questo è certo. Ma ve lo consiglio. Un po' perché illuminante, in alcuni dei suoi saggi. Un po' perché è sempre utile, nell'asfittico Paese in cui viviamo, rendersi conto che altrove c'è una scena letteraria viva, vitale, dove anche i generi che ormai qui da noi vendono quanto il ghiaccio al Polo e vengono considerati regolarmente "roba da bambini" (sì, sto parlando del fantasy, ovvio) sono oggetto di discussioni seri, portatori di tematiche attuali e niente affatto disprezzati o sottovalutati. E un po' perché c'è bisogno - un disperato bisogno - di diffondere un semplicissimo concetto: è ora di difendere la realtà che desideriamo.

Perché se vogliamo che si smetta di dire "ma quella è stata stuprata perché aveva la minigonna". Se vogliamo smetterla di sentire frasi che iniziano con "io non sono razzista ma loro..." Se vogliamo che gli adolescenti la smettano di suicidarsi perché gay e presi in giro o picchiati dai compagni. Se vogliamo che si smetta di equiparare le donne a incubatrici buone solo per "donare figli" alla patria. Ecco, se vogliamo tutto questo, allora dobbiamo essere noi, in prima persona, a dichiararlo ad alta voce. A scrivere storie in cui il maschio alfa stalker di turno viene preso a solennissime ginocchiate nelle palle, invece che "guarito" dalla crocerossina di turno che si realizza solo quando si libera dalla "zitellaggine" e capisce che scopare le piace solo quando arriva il suo principe azzurro. A scrivere storie in cui una relazione omosessuale tra due personaggi non ha bisogno di essere sottolineata a furia di gomitate nel fianco del lettore e stereotipi, ma viene considerata per quello che è - una relazione, punto, esattamente come quelle eterosessuali. A scrivere i libri migliori che possiamo scrivere, in definitiva, anche se non finiranno in vetrina.

No, non sono ottimista. Non penso affatto che sia facile o rapido. Non mi illudo che bastino poche righe sul mio misconosciuto blog a smuovere le masse, né che i libri validi là fuori - e ce n'è - domani miracolosamente entreranno in classifica (è già tanto se escono in un centinaio di copie). Ma le poche righe sul mio blog, le storie che voglio scrivere, la voce che posseggo, queste sono le uniche armi di cui dispongo e non ho intenzione di lasciarle ad arrugginire in cantina. Non butteranno giù il maniero dell'Oscuro Signore, ma magari, prima di finire trafitta dalle lance degli orchetti, potrò svellerne una pietra, anche una sola. E se domani qualcun altro farà lo stesso, e dopodomani ancora, prima o poi il fottuto maniero finirà in rovina.
E a demolirlo non saranno guerriere sexy in bikini di metallo e pose provocanti né eroi stereotipati con il testosterone al posto del cervello. Saranno uomini e donne pronti a combattere nel fango, insieme.


4 commenti:

  1. Sottoscrivo ogni singola parola.

    RispondiElimina
  2. Penso che il mestiere di scrivere sia un lavoro etico, che ti spinge a lavorare per comunicare la tua verità. Non devi mai fare morale, ma devi scrivere un romanzo che abbia molteplici livelli di lettura e che lasci al lettore la possibilità di riflettere. La possibilità anche di godersi una storia per quella che è, senza troppa retrospettiva.
    Penso che, come in ogni lavoro, puoi decidere come farlo: se seguire i tuoi ideali, i tuoi valori, o scendere a compromessi. E non è che ci sia qualcosa di sbagliato, o che chi scrive qualcosa che non condivido debba smettere di farlo, perché la libertà di espressione e di creazione è sacrosanta. Non posso giudicare ciò che sta dietro la gestazione di quella storia né la motivazione dell'autore. Semplicemente, vado oltre e leggo altro, perché è mio diritto scegliere cosa leggere.
    Penso che scrivere sia un lavoro di responsabilità, che non si limita a quella degli autori ma a tutto il settore editoriale, dalle case editrici sino al consumatore finale: il lettore.
    E se un certo trend funziona, in letteratura, c'è da domandarsi quale sia il motivo, fare il meglio che si può e scegliere. Essere una possibilità di scelta etica, ecco.
    Scegliere sempre cosa dare, come farlo e se vale la pena farlo.
    Hai scritto un pezzo bellissimo, sai? <3

    RispondiElimina
  3. Ti ringrazio tantissimo! 💛

    RispondiElimina