mercoledì 16 agosto 2017

Film horror per l'estate - 2

Rieccomi a consigliare qualche film horror che potreste recuperare per un brivido estivo in più: opere viste negli scorsi mesi, ma che per un motivo o per l'altro non ho fatto in tempo a segnalare prima sul blog. Dopo i tuffi negli abissi e l'incontro con i djinn portati dal vento della settimana scorsa, oggi cambiamo registro. Pronti?

Man in the Dark: ecco un film che m'incuriosiva moltissimo, e che purtroppo avevo perso al cinema l'anno scorso. La trama, riassunta in due righe, è: tre giovani ladri s'intrufolano in una casa per derubare un anziano cieco... che si rivelerà molto meno indifeso, e molto più psicopatico, di quanto si aspettassero. Un concept che, come scrive anche la Bolla, al cui post rimando per una recensione coi fiocchi, ricorda quello de La casa nera, uno dei miei primi horror, incubo diretto da Wes Craven su un ragazzino costretto a difendersi da una coppia di psicopatici rifugiandosi nelle labirintiche intercapedini dell'edificio. Qui, il nemico è un uomo privo della vista, ma con udito e olfatto assai sviluppati, caratteristiche che aprono diverse possibilità narrative, in un thriller o in un horror, ... Man in the dark è un film efficace nel costruire la tensione che vi consiglio per una gradevole serata (e anche per ritrovare Stephen Lang, già folle assassino in uno dei miei personali cult, Insieme per forza con Michael J. Fox e James Woods). Su un tema simile, però, vi segnalo ancora di più il bellissimo Hush, di cui vi ho già parlato qui, dove troviamo invece una ragazza sordomuta in lotta contro un serial killer. Di Man in the dark, col titolo originale Don't breathe, parla anche la sempre ineffabile Lucia (come al solito, sono lei e la Bolla a "spacciarmi" i film, e non smetterò mai di consigliarvi di seguirle ^^)

Fear, Inc.: Sempre del 2016 è anche questo simpatico filmetto su una particolarissima "ditta" specializzata nel far vivere ai clienti una nottata da incubo, realizzando le loro peggiori paure. Il protagonista (che vi verrà spesso voglia di prendere a schiaffi: lo vedete lì, che se la ghigna in locandina? Ecco.) contatta la Fear, Inc., costringendo anche fidanzata e amici a partecipare a un gioco che presto si rivelerà molto più reale di quello che immaginava lui... Il film non ha grandi pretese, ma è godibile e riesce qua e là a confondere abbastanza le acque, e il confine tra finzione e realtà, da ingannare anche lo spettatore. Divertitevi con le numerose strizzate d'occhio a cliché e classici dell'horror, ma non aspettatevi certo un capolavoro. Vi avviso, dopo la visione noi siamo andati avanti per giorni a ripetere come il protagonista "It's Fear, Inc.!"... spero che, come me, possiate condividere il tormentone con qualcuno che non vorrà strangolarvi!
Al solito, rimando al post della straordinaria Bolla e a quello di Lucia per una disamina più approfondita.

The Monster: ecco infine, per chiudere questo post, un vero gioiellino che non dovete assolutamente lasciarvi sfuggire; dei tre film proposti questa settimana, di sicuro il mio preferito è questo. Stavolta torniamo ad avere una coppia di protagoniste madre e figlia, come in Under the shadow, ma siamo in territorio americano e, tra le due, la più matura sembra paradossalmente la figlia.
La madre, infatti, è una sbandata che beve troppo e ha già procurato alla ragazzina il suo bel numero di traumi. Come se non bastasse, le due poverette si ritrovano con la macchina in panne in una strada deserta che attraversa un bosco, di notte; e si sa che, col buio, i mostri vanno a caccia...
Il film si farà apprezzare non solo per l'indubbia tensione, ma anche per una narrazione intelligente che riesce con poche scene e qualche flashback conciso e azzeccato a delineare due personaggi ben sfaccettati e il loro rapporto d'amore-odio, un legame disfunzionale ma fortissimo che sfugge alle possibili banalità in cui tanto facilmente si può incappare. Insomma, uno di quei film che consiglierei di studiare agli aspiranti narratori... Se volete saperne di più, leggete la Bolla o (anzi, meglio: e) Lucia, ma soprattutto recuperate il film e godetevelo!

2 commenti:

  1. Curiosamente anche in questo caso ho visto solo il primo, che mi è piaciuto parecchio e che ho pure recensito positivamente, gli altri come ovvio li recupererò presto ;)

    RispondiElimina
  2. Il secondo va bene per una serata leggera, il terzo te lo consiglio assolutamente!

    RispondiElimina