lunedì 25 giugno 2018

Né a Dio né al Diavolo- la colonna sonora. 3 e 4: Moonspell - Butterfly FX e Pantera - Cemetery gates

Nelle ultime settimane, per vari motivi, non ho avuto il tempo di proseguire con i post sulla colonna sonora di Né a Dio né al Diavolo, perciò avevo pensato di recuperarne un paio in un unico post, inserendo qui quelli del terzo e quarto capitolo del libro, un pezzo dei Moonspell e uno dei Pantera. Ma mai avrei immaginato che li avrei ripresi pochi giorni dopo la morte di Vinnie Paul, storico batterista dei Pantera e fratello del già tragicamente scomparso chitarrista Dimebag Darrell.
Pur non essendo tra i miei gruppi preferiti, i Pantera, con la loro energia, sono stati una colonna sonora della mia adolescenza, con un sound inconfondibile che spinge irrefrenabilmente a pogo e headbanging. E così questo post diventa anche un saluto e un omaggio a Vinnie Paul, troppo giovane per andarsene. Ho trentasei anni e di mese in mese i volti storici che hanno composto la musica della mia vita se ne vanno... ed è sempre un colpo al cuore. Ma il modo migliore per ricordarli è uno solo: play it loud. In alto i calici di birra, e trasformiamo l'addio in un saluto di festa, con un grazie enorme che allevi il dolore.

Tornando alla colonna sonora del libro, il terzo capitolo presenta una canzone a me cara, Butterfly FX dei Moonspell che, come ormai ho dichiarato fino allo sfinimento, rimangono il gruppo che più mi ha accompagnato durante la stesura. Se fin dalla prima pagina la storia inizia con un evento che stravolge la vita dei protagonisti, e porterà a poco a poco alla scoperta di parecchie cose che uno dei personaggi tiene nascoste, al terzo capitolo le cose iniziano a precipitare: eventi apparentemente piccoli - l'arrivo dei biglietti per un gigantesco festival metal in Germania, la necessità di trovare all'ultimo momento la macchina per andarci perché un imprevisto impedisce di seguire il piano originario, l'idea di chiedere proprio a quel tizio strano che si fa chiamare Lucifero di fare da autista - avranno conseguenze enormi, che nessuno dei personaggi coinvolti si aspetta. Insomma, un brano dedicato al famoso effetto farfalla era semplicemente perfetto, no? Senza contare che è una splendida canzone, una di quelle a cui sono più affezionata, nonostante venga da un album spesso trascurato della discografia dei Moonspell.

... And what I see
You can not see
That when I move
You move with me...

Cambiamo totalmente atmosfera, ora: Cemetery gates è un brano tra i più noti dei Pantera, stranamente melodico ma non privo dei suoi momenti energici. È la canzone che accompagna il quarto capitolo e che viene messa in loop da uno dei personaggi come colonna sonora a una colossale sbronza; come potete intuire, il ragazzo non è in un momento di particolare allegria... Il brano è splendido, indimenticabile per me. E riascoltarlo oggi, come saluto a Vinnie Paul, ha ancora più significato.
Stay metal \m/

... I must reverse my life
I can't live in the past
Then set my soul free
Belong to me at last

Through all those
Complex years
I thought I was alone
I didn't care to look around
And make this world my own...

Nessun commento:

Posta un commento