giovedì 9 maggio 2019

Salone del Libro 2019 - si comincia!

Parte oggi uno degli appuntamenti che mi accompagna da più tempo, il ritrovo imperdibile che, almeno dai tempi del ginnasio, non ho quasi mai mancato di visitare. Girare tra stand zeppi di libri, pescare gemme nascoste all'epoca in cui non c'era internet ed era molto più difficile tenersi aggiornati, incontrare amici... questo è sempre stato il Salone per me.

Ultimamente, poi, è anche il ritrovo per tutti gli affezionati seguaci di Gainsworth Publishing, una delle realtà più coraggiose e competenti in materia di fantasy, che seguivo da molto prima di entrare a far parte della squadra. Quest'anno, poi, sono felicissima di veder nascere il (primo) progetto in coppia con Luca Tarenzi (che esce anche con l'edizione paperback di Di metallo e stelle, e se non l'avete ancora letto fatelo, per il vostro bene!), l'antologia Terra senza cielo, che comprende vecchi racconti di entrambi, ripescati da altre antologie o rimasti a lungo inediti, e alcune nuove storie scritte appositamente per questo volume, che mi hanno onestamente deliziato: in particolare, in coda al volume troverete una nostra piccola sfida personale, scrivere ciascuno un racconto utilizzando i personaggi dell'altro.

Non meno felice sono, poi, di tenere finalmente in mano Melusina, un romanzo che mi è costato molto scrivere, in termini emotivi, e che prosegue la mia piccola mitologia personale della cittadina di Biveno, che, come ho spiegato più volte, è immaginaria ma ispirata fortemente alla mia Biella. Per tutti quelli che me l'hanno chiesto: sì, il libro è ambientato qualche anno dopo Né a Dio né al Diavolo, ma è autoconclusivo e si può leggere anche senza aver letto l'altro; una delle comparse di NaDnaD è il protagonista di Melusina, e un paio di personaggi di NaDnaD fanno da comparse in questo, ma al di là di queste piccole strizzate d'occhio (e di un'altra legata ad Angelize), il volume è totalmente indipendente. Ed è stato un esperimento, per me, sotto diversi aspetti, non ultimo confrontarmi con numerosi personaggi femminili (non è un mistero che io abbia sempre prediletto utilizzare protagonisti maschili) e proporre un romanzo in cui gli inferni interiori dei personaggi sono al centro della storia, indipendentemente dalla presenza dell'elemento fantastico. Insomma... mi direte. Ma io rimango affezionata a questo libro, e al suo protagonista testardo come un mulo...
Dimenticavo! In coda al romanzo troverete anche, in anteprima speciale, il primo capitolo del prossimo, in uscita nel 2020; potrete così avere un assaggio di cos'è successo a Ivan & Co di Né a Dio né al Diavolo nel frattempo... Il terzo volume della serie ambientata a Biveno, infatti, pur avendo una storia autoconclusiva, rimette in scena i personaggi dei due libri precedenti... e mi ha divertito così tanto scriverlo che vorrei già averlo tra le mani!

Per tutti, ci vediamo di persona al Salone sabato 11 maggio, alle 15 in Sala Argento per il panel Brutti dentro o brutti fuori? sull'evoluzione della figura del mostro, insieme a Luca Tarenzi, Julia Sienna e Helena Cornell. Subito dopo, dalle 16 in poi, ci si vede allo stand Gainsworth (H15, padiglione 2) per firmacopie, chiacchiere, abbracci, duelli, lettura di tarocchi e party selvaggio. A sabato!



Nessun commento:

Posta un commento