Cosa scrivo

Storie brevi e romanzi già pubblicati, in cartaceo, in ebook o su siti vari. Nella sezione "Leggi on line" potete leggere alcuni dei racconti e commentare liberamente.

Angelize II - Lucifer, seconda e ultima parte di Angelize, è uscito per Fabbri Editori il 22 ottobre 2014.
Qui tutte le informazioni sul romanzo.





Il mio romanzo urban fantasy Angelize è uscito per Fabbri Editori il 6 novembre 2013, in anteprima a Lucca Comics & Games. Qui tutte le informazioni sul romanzo.

"Sporchi, bastardi, miscredenti e non-morti: se vi aspettate il solito libro sugli angeli, i protagonisti vi insegneranno un paio di cose che non vorreste sapere" - Luca Tarenzi


Il mio racconto Until it sleeps è contenuto nell'ebook Dogs, insieme a storie di Sandrone Dazieri, Igor Deamicis e Filippo DigirolamoA questo link potete acquistare su Amazon il volume primo; qui su 
Bookrepublic invece potete trovare gli ebook in formato ePub.
"Il viaggio finisce addentrandoci solitari in un bosco, e non si va mai da soli nel bosco. Tramite Until it sleeps Aislinn ci regala un viaggio infernale nel bosco più oscuro che esista, un viaggio solitario e in pessima compagnia, un viaggio che ci porta alla fine dell’opera della Rizzoli lasciandoci più di un nervo scoperto e più di un’inquietudine addosso" da http://www.thrillermagazine.it/libri/14286

A partire dal 2010 ho partecipato alla stesura del Grande Romanzo Aperto di Scrittura Industriale Collettiva, edito in aprile 2013 da Minimum Fax. I dettagli su http://www.scritturacollettiva.org/ Il cast completo del romanzo è qui: http://www.scritturacollettiva.org/files/CAST.pdf. Questa la pagina del romanzo: http://www.minimumfax.com/libri/scheda_libro/609



Il racconto Jagged little pill è stato selezionato per l'antologia 365 racconti sulla fine del mondo, Delos Books nel 2012.
Il titolo del racconto è quello dell'album di Alanis Morisette che contiene questa canzone, colonna sonora ideale della storia.
Trovate un commento al mio racconto a questo link.





Il racconto Wait for sleep è stato selezionato per far parte dell'antologia del primo Premio Nero Angeli, Il Mondo Digitale 2012. Il titolo del mio racconto viene dall'omonima canzone dei Dream Theater. Potete ascoltarla qui per entrare nell'atmosfera.

Pioggia.

Cade da ore. Colpisce il davanzale, schizza sul pavimento. Gocciola dall’angolo del soffitto, dove l’intonaco è marcio.
Davide fissa la muraglia di spilli che scroscia dal cielo: rende opaco il vicolo di fronte alla finestra, confonde i dettagli, bracca i passanti.
Chiudere la finestra. Sdraiarsi, dormire.
Ma non ci riesce. Ha bisogno d’aria.
Gli sembra non ce ne sia abbastanza in casa da quando ha portato dentro il fucile.



 Il racconto Goodbye to romance, scritto nel mese di marzo 2011, è pubblicato nell'antologia "I vampiri? Non esistono...", edita nel dicembre 2011 da Edizioni Domino. Il volume contiene solo racconti di autrici donne (tra le altre Fabiana Redivo). Il mio contiene un omaggio al film Fright Night - Ammazzavampiri - l'originale del 1985, intendo: uno dei miei cult cinematografici personali. Il titolo viene da una canzone di Ozzy Osbourne; in questo caso non l'ho usata come colonna sonora durante la stesura, ma come titolo è perfetta.

«Che palle.» Franci lanciò un'occhiata annoiata al poster di Twilight sopra il suo letto. «Mai una novità. Perché la vita non è come un libro?»
«Ti devo passare quello che ho finito ieri. Splendido.» Barbie schiacciò la sigaretta nel piatto.
«Detesto i tuoi angioletti innamorati, sono stupidi.»
«Saranno furbi i vampiri gay che piacciono a te.»
«Edward non è gay!»
«I vampiri dovrebbero essere cattivi.»
«Chi lo dice? Secondo me vanno benissimo così, forti e tormentati.»
«Che scemata.» tagliò corto Barbie.




 Il racconto Electric Blue, scritto nel mese di settembre 2011, è stato selezionato per l'antologia  256 K - 256 racconti da 1024 karatteri: storie incentrate sul mondo del computer, di massimo 1024 parole. Il titolo della storia viene da una canzone dei Cranberries. Il volume è uscito a novembre 2011 e lo potete acquistare su http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=660044.

'Cretino!'
Len s'irrigidì.
'Ali marroni?'
Deglutì.
«Scusa, il disegno è mio.»
'Ma il soggetto sono io e le mie ali hanno un colore decente!'
«Impossibile!»
'Impossibile essere così idioti! Muovi quel mouse, correggi.'
La fata che stava finendo con Photoshop era immobile, eppure gli occhi appena dipinti parevano fissarlo.
Lui inclinò il busto.
Gli occhi lo seguirono.
Cacchio.
«Ehm. Verde?»
'Blu!' sbottò la vocina stridula nella sua testa – la fata non aveva ancora una bocca con cui parlare. 'Blu elettrico, come gli occhi!'




Il racconto Nothing's Free, scritto nel mese di agosto 2011, comparirà nel numero 13 della fanzine Comics Factory, in uscita per Lucca Comics. Il tema del numero, e quindi anche della mia storia, è la magia. Il titolo del mio racconto viene da una canzone di Alice Cooper, colonna sonora ideale della storia.

 «Non credo sia una buona idea».
Max sbuffò senza rallentare. Toy caracollò per raggiungerlo.
«Puoi anche smettere di ripeterlo. Se arrivi a cento volte non vinci nessuna bambolina.»
«Dico solo che...» ansimò Toy.
«Che la metà delle volte i tizi che mandano i filmati a Your news rimediano qualche cazzotto», cominciò Max, contando sulle dita. «Che un paio hanno pure beccato denunce. Che non ti va di rompere l'anima alla gente.»
«Infatti.»
«E io dico che un cazzotto non mi fa paura, e nemmeno una denuncia, se poi ti intervistano ai tg e nei talk show. Nulla è gratis, Toy. Un po' di rischio è un prezzo da niente per trovarsi famosi, magari assunti come reporter! Diventeremo personaggi.»
«Non ci tengo», bofonchiò Toy.
«Bene, non ti nominerò. Pensa solo alle riprese. Non mi serve la spalla comica nanerottola.»
«E allora le riprese fattele fare da un altro.»
Toy alzò il mento e girò sui tacchi, ma Max lo afferrò per il maglione.
«No. Tu sei bravo. E ci guadagnerai! Non stiamo andando a scippare vecchiette. Andiamo a smascherare un truffatore! Siamo i buoni!» 



Il racconto Vendo ali demone è stato invece pubblicato sul volume D'Artagnan - Meanwhile in Elsewhere, sempre a cura di Cyrano Comics.



 Il racconto Handmade god, scritto tra giugno e dicembre 2010, inviato al concorso Urban gods e selezionato per l'ebook gratuito Divinità minori. Il titolo del racconto è quello della canzone dei Moonspell che fa da colonna sonora alla storia.

«Fermo lì, Alessa'. O Vostra Divinità.» aggiunge, uno sfavillio negli occhi scuri. «Tu sei un bugiardo e io un pazzo, ma non ti muovi di qui. Se la prossima volta mi bussa alla porta un ciclope io che faccio, da solo?»



 Il racconto Somebody to love, scritto tra marzo e aprile 2011, pubblicato sul sito I duri della palude al link http://duridellapalude.com/wp/2011/06/27/somebody-to-love-racconto-di-aislinn/ il 27 giugno 2011, con prefazione di Filomena Cecere.  
Trovate il racconto nella sezione "Leggi on line".

Serve specificare che la colonna sonora e il titolo sono quelli della canzone dei Queen?

«Ti ho sognato, Tina.»
«Ah sì? Be', io sogno solo di andarmene a dormire. Se permetti...»
Girò la chiave, fece forza. Tlack. Finalmente.
«È il destino che...» continuò lui, in tono seducente.
«Per carità, le frasi fatte no.» aprì la portiera e gli lanciò un'ultima occhiata guardinga. «Mollami, bello.»




Il racconto Il drago donato per il sito Autori per il Giappone, http://www.autoriperilgiappone.eu (marzo 2011).
Trovate il racconto nella sezione "Leggi on line".


 «Lo sai chi ho incontrato, mamma? Un cucciolo di drago!»
«Sì, Haru.» risponde Manami. «Finisci la cena.»
Lui fatica a maneggiare le bacchette con le dita troppo piccole. «L’ho incontrato sotto gli alberi, vicino alla sabbia in giardino! Lui…»
Manami non lo ascolta. Le si chiudono gli occhi, ma ancora deve riordinare e poi finire il lavoro che ha in consegna. Non può permettersi ritardi. Non da quando è sola a badare a Haru. «A letto, su.»
«Lo vuoi incontrare anche tu, mamma?»
«Chi, tesoro?»
«Il cucciolo di drago! Ha detto che porta fortuna!»



 Il racconto In time of need nell'antologia Stirpe angelica, a c. di Filomena Cecere e Alfonso Zarbo, Edizioni della Sera 2010.
Il titolo viene da uno dei versi di Angels, dei Within Temptation.

“Non sono mica il tuo angelo custode, bimbo,” rispose Haniel, girandosi a guardarlo. “Quelle favole sono stronzate.”



 Il racconto Il pupazzo di neve nell'antologia 365 storie cattive, a c. di Paolo Franchini.
Trovate il racconto nella sezione "Leggi on line".

Era uscito dopo pranzo per preparare un pupazzo di neve. Lo voleva alto quanto lui, poi gli avrebbe dato sciarpa e cuffia, quelli vecchi trovati in fondo al cassetto. (...)
aveva già completato il corpo e doveva solo formare la testa. Affondò le mani in un mucchio ancora inesplorato vicino ad alcuni scatoloni di cartone in attesa del ritiro.
Sentì qualcosa sotto le dita, nonostante fossero intirizzite. Pensò a spazzatura caduta dai sacchi, ma, anche se rigido, non sembrava vetro o plastica. A fatica, tirò fuori quello che aveva trovato, scavando nella neve tagliente.



Tra il 2008 e il 2010 ho pubblicato le tre parti del romanzo fantasy classico La Guerra della Falce, primo volume della trilogia Il Portatore di tenebra (secondo e terzo volume attualmente in revisione) Si tratta di Episodio primo: La luce dal cieloEpisodio secondo: Le nubi si addensano ed Episodio terzo: La voce dall'ombra (Edigiò).






Nessun commento:

Posta un commento